Leonardi: “Cassano al Napoli? Un sogno che non si realizzerà”

Ieri sera l’attaccante del Parma Antonio Cassano è stato ospite della popolare trasmissione Mediaset Tiki Taka, curata e condotta da Pierluigi Pardo. Il genio di Bari vecchia, tra le altre cose, ha parlato anche del Napoli. Naturalmente non si è parlato degli azzurri partenopei come possibilità concreta, bensì più come un what if, uno scenario ipotetico. Questa mattina Pietro Leonardi, amministratore delegato del Parma, è tornato sull’argomento, anche per smorzare eventuali dicerie e le solite indiscrezioni incontrollate. L’AD crociato è interventuo alla trasmissione radiofonica Si gonfia la rete di Raffaele Auriemma, il noto telecronista tifoso del Napoli di Mediaset Premium, toccando anche altre questioni. Ecco le sue parole:

cassano-tiki-takaANTONIO CASSANO – Cassano? Anch’io ritengo che per il Napoli sarebbe stato un sogno avere Cassano, era la piazza ideale viste le caratteristiche del calciatore. Adesso però è tutto estremamente chiaro, è del Parma a tutti gli effetti. Non sono preoccupato anche perché ritengo che Napoli sia una piazza affascinante per il tifo, ma quando il Parma ha preso Cassano, tutti potevano prenderlo, ma nessuno l’ha fatto. Adesso che è diventato un punto di forza, vorrei che facesse grande il Parma. Se chiamasse De Laurentiis? Non ho dubbi: l’accordo con Cassano mi fa essere tranquillo“.

L’EUROPA –  Parma in Europa League? Non vorrei trasformare una situazione miracolosa, quella che circonda il Parma giacché i calciatori stanno disputando un’annata strepitosa, ad una in cui la rosa può andare in difficoltà. La cosa più corretta da fare è continuare col nostro percorso per poi iniziare a trarre conclusioni dopo il match contro il Napoli. Il tour de force che ci aspetta non sarà una passeggiata“.

GABRIEL PALETTA, LA NAZIONALE ED IL CALCIOMERCATO – Paletta in tempi non sospetti ha deciso di restare al Parma trascurando l’aspetto economico offerto da altri club. Se i calciatori rinunciano a compensi economici maggiori, significa che abbiamo costruito qualcosa di importante. Abbiamo deciso di puntare su calciatori italiani e il Parma è l’unica squadra che utilizza nove calciatori su undici, italiani. È per questo motivo che i calciatori si mettono in luce ed hanno anche la possibilità di approdare in Nazionale. La conoscenza del campionato del calciatore credo sia importante per una società. Se arrivasse un’offerta per Paletta, dovrà esserci il gradimento del calciatore e della società. Se così fosse, non mi metterei di traverso perché la rosa deve essere formata da calciatori che abbiano la voglia e il desiderio di mettersi in mostra col Parma. Finora non è mai successo che uno di questi volesse andare via, ma se accadesse, vedremo“.

(I virgolettati di Pietro Leonardi sono a cura di www.pianetazzurro.it e tuttosport.com)