LEONARDI: “HO PARLATO ALLA SQUADRA, HO TOCCATO LE CORDE GIUSTE: IL PARMA SI FARA’ RISPETTARE”

A margine dell’evento benefico di ieri sera, al Centro Direzionale di Collecchio (leggi il resoconto di ParmaFanzine.it), Pietro Leonardi ha parlato con la stampa. E’ stata un’occasione per affrontare il tema del mercato, con i possibili arrivi di Cassani e Lodi, oltre ovviamente ad introdurre la serata benefica organizzata dalla sua Onlus assieme a Vorwerk Folletto.

asta1Ecco le sue parole, raccolte dai nostri microfoni:

L’asta benefica? E’ un qualcosa di molto bello, voglio ringraziare la Folletto, i componenti della mia associazione perchè chiaramente stanno facendo cose molto belle. Questa poi è un’iniziativa importante realizzata a Collecchio con la vicinanza della squadra. Noi l’abbiamo sempre detto, Collecchio si presta a questo e noi siamo ben felici e contenti di poter metterci a disposizione“.

Se è necessaria un’altra cessione illustre? Conoscono tutti meglio di me i conti del Parma – sorride – perciò se per loro è necessaria sarà così... Io ho sempre detto che le cessioni vanno fatte quando ci sono tre componenti che coincidono, che sono il calciatore, la società e l’altra società. Se c’è una componente che non coincide le operazioni non si fanno… Il Parma ha sempre vissuto facendo questo tipo di cessioni, ma anche perchè c’è una volontà dei calciatori se arriva un’offerta di un certo tipo. Mi sembra paradossale che quest’anno si facciano notare delle cose che negli anni addietro non sono mai state fatte notare. E’ di normale gestione fare delle operazioni di mercato, ma a me risulta che al giorno d’oggi abbiamo venduto solo Parolo“.

palettamirantebiabianyCassani? Se ci sono le condizioni per un suo ritorno noi siamo ben contenti di riprenderlo, ma ci devono essere le condizioni che coincidono con il Parma, con il nostro presupposto. Non c’è nessuna fretta, perchè il campionato non inizia domani. I tifosi sono perplessi del mercato fin qui? Io invece ho dei risultati dalla campagna abbonamenti assolutamente convincenti. Sono i fatti quelli che contano, e sono convinto che i tifosi del Parma hanno capito il nostro spirito. Poi se tutti quelli che sono arrivati non sono acquisti… Vogliamo dire che Iacobucci non è un acquisto? Che Ristovski non è un acquisto? Che Feddal, Ceppitelli, Mendes, Bidaoui, non lo sono? Poi tra un po’ ci troveremo a vendere uno di questi e tutti dicono “perchè è stato venduto?”. Ah, era un acquisto quindi… Ad oggi la realtà è che è andato via Parolo, che per una scelta personale è andato via Molinaro, che sono andati via, ad oggi, Cassani e Gargano, ma sono arrivati tanti ragazzi e sono rientrati i nostri calciatori, perchè anche Belfodil e Mesbah non sono due acquisti? E’ prematuro tirare delle conclusioni quando manca ancora più di un mese”.

leonardicollecchioIo credo che ci sia più amarezza per l’Europa League, e non per il mancato botto di mercato, ed è pure comprensibile. Lodi? Sono tutti nomi che vengono fuori in un momento come questo. Noi siamo consapevoli di quello che potrebbe migliorare questa squadra, perchè la nostra intenzione non è quella di indebolire la squadra, è chiaro che devono coincidere tante cose che l’anno scorso sono coincise se no non saremmo arrivati sesti, e ci auguriamo di farle coincidere anche questa stagione, consci del fatto che abbiamo dichiarato a più riprese di avere delle potenzialità inferiori ad altri club. Da quando sono arrivato ho sempre pensato di vendere ma di mantenere la squadra competitiva. A parte in una stagione, abbiamo sempre rispettato questo e anzi abbiamo sempre migliorato arrivando sesti. Non sono abituato a non partecipare, io voglio partecipare e vincere più partite possibili, perchè perdere le partite mi fa incazzare. Una cura non l’ho ancora trovata per questo, quando mi troverete un medico – sorride – che mi cura così non mi incazzo quando si perde… Siamo arrivati sesti, ma questo non ce lo toglie nessuno, perchè se no sembra che stiamo andando dietro ad un funerale. Qui c’è un clima positivo, oggi ho parlato alla squadra perchè erano ritornati tutti, e penso di aver toccato le corde giuste, e vedrete che il Parma si farà rispettare.