Le voci del post-partita – Donadoni: “Non siamo ancora al top, ma in gare come queste bisogna accontentarsi”. Leonardi: “Il Chievo si è difeso bene. Risultato giusto”

Ecco le dichiarazioni dei crociati, rilasciate dopo la partita, riportate dalla pagina ufficiale del Parma F.C.:

Roberto Donadoni:
“Il match è stato complicato, come del resto mi aspettavo. Il Chievo è una squadra che ha badato a difendersi e ripartire, lo ha fatto bene e ci hanno chiusi tutti gli spazi, per questo trovare il varco giusto è stato davvero complicato. Ci siamo presi dei rischi, ma direi che in gare come quella di questa sera bisogna accontentarsi. Nel primo tempo dovevamo cercare maggiormente la compattezza, ed essere più corti, anche se l’approccio dei ragazzi è stato giusto. Siamo stati lunghi, questo è stato il nostro errore, nel secondo tempo siamo cresciuti, potevamo anche portarci in vantaggio nel finale. Dal punto di vista fisico, direi che per quello che ho visto nel secondo tempo stiamo piuttosto bene, ma la condizione non può essere al top dalla prima giornata.”

Pietro Leonardi: “Bisogna dare merito agli avversari, il Chievo si è difeso bene, ha chiuso gli spazi e ci ha messo in difficoltà in qualche occasione. Quando giochi contro una squadra che fa questo tipo di gioco diventa sempre complicato, anche se noi abbiamo avuto le nostre occasioni. Ci sarebbe piaciuto regalare una vittoria ai tifosi e all’ambiente, in quest’esordio casalingo. Capisco che ci sia un po’ di delusione, si voleva una vittoria, ma vedendo com’è finita la partita del Milan di ieri direi che non si deve essere del tutto delusi. Il risultato di stasera, in ogni caso, è giusto, e facciamo i complimenti al Chievo per il match che ha disputato.

Antonio Mirante: “La mia parata più difficile? E’ dura stabilire quale sia stata, noi alla fine siamo pagati per parare. Puggioni, portiere del Chievo, non è stato da meno. C’è un po’ di rammarico per il primo tempo, ma abbiamo fatto vedere di avere una buona condizione fisica, e questo ci rende ottimisti per il futuro. Il Chievo ha giocato una buona partita, io vedo il bicchiere forse non del tutto pieno, ma il punto ce lo prendiamo. In fase difensiva sarebbe riduttivo dare dei meriti solo ai difensori, anche i centrocampisti questa sera si sono sacrificati in un grande lavoro di contenimento. Nel secondo tempo abbiamo alzato il nostro baricentro, e i veneti si sono trovati un po’ in difficoltà: questo è l’atteggiamento dal quale dobbiamo ripartire.”

Mattia Cassani: “C’è un po’ di amarezza, anche se quello di stasera è un buon punto. Nel secondo tempo abbiamo schiacciato il Chievo nella propria area, ma non siamo riusciti a finalizzare. I clivensi si sono difesi con dieci uomini dietro al pallone, è stato davvero difficile trovare degli spiragli, noi ci abbiamo provato ma non è bastato. Io sono a Parma da due settimane, ho trovato un gruppo davvero compatto e mi sono inserito portando la mia esperienza e le mie caratteristiche. Stiamo lavorando in maniera positiva, riprenderemo a lavorare in vista di Udine, dove ci aspetta una gara molto complicata.”