LE PAGELLE DI GABRIELO – SERIE D EDITION – PARMA-LEGNAGO 3-1

Forse non è ancora il Parma migliore, ma quello che ha vinto 3-1 con il Legnago ha fatto enormi passi in avanti rispetto alle ultime fiacche prove. E anche senza Guazzo, IO SONO DIVENTATO GUAZZO. Le Pagelle di Gabrielo, Parma-Legnago 3-1.

Fall 88: OTTANTOTTO come i rinvii sbagliati dal giovane portiere africano (che non è un’offesa, sia chiaro…). Incredibile, mai vista una cosa del genere. Ad Apolloni è venuta la gastrite al terzo errore e ne ha dovuti vedere altri ottantacinque. Spericolato nelle uscite, furetto scapestrato tra i pali. TI VOGLIO BENE FALL.

Adorni 6: In amicizia, perché la vaccata che costa il primo gol su azione al Parma è davvero da…serie D. Così per dire. La prova comunque è più che sufficiente.

Benassi PRENDI LE VITAMINE: Non stava giocando male, povera stella, poi è svenuto perché sapeva che avrei scritto la sua pagella. Stai calmo Maikol, non mordo.

Lucarelli 6.5: Il momento più alto della sua sonnacchiosa partita contro onesti pittori e artisti di strada è stato l’impropero rivolto ad Adorni con simpatica e burbera funzione pedagogica.

THE TASTE Saporetti 6: Insomma, cosa dobbiamo dire. Lì, sulla fascia, un po’ tristemente, a portare a casa un 6 che è come quando esci con un ragazza e rimedi uno sfuggente limone in punta di lingua di 8 secondi netti.

Corapi 6.5: All’inizio soffre chiaramente i postumi di un aperitivo ALLA GUAZZO. Poi si sveglia con una bella punizione, porta in avanti i crociati e gioca la sua solita partita fatta di grinta e buone giocate. Sbaglia pure un gol davanti al portiere ma fa lo stesso, ma solo perché abbiamo vinto.

Jorquera Giorgino DOMINEGGIA: Domineggia (si dice così?) il centrocampo con fare anche un po’ da figo che sa di piacere alla gente che piace.

Lauria 6.5: Mi è piaciuto molto. Perché se è vero che non ha ancora il piede caldo per andare in rete, scombina in continuazione l’assetto tattico degli avversari e li mette in difficoltà. Insomma fa casino, ma quel tipo di casino che serve.

Melandri 6.5: Non parte benissimo (e nel complesso il Parma nel primo tempo brilla poco) ma piano piano scalda il motore e diventa imprendibile. Felino diesel.

Sereni 5: Vabbè.

Baraye 7: Quando ha capito che esistono anche i compagni è riuscito a mettere la sua vivacità e la sua tecnica fuori categoria al servizio della squadra e anche senza segnare è stato un giocatore fondamentale per la vittoria.

Musetti (che io sono convinto si chiami Ivan Ruozzi) GUAZZO: MA CERTO! AL GOL DI PUNTA DI MUSETTI ALLA GUAZZO IO SONO DIVENTATO GUAZZO E SONO SALTATO IN PIEDI PER URLARE TUTTA LA MIA GUAZZA GIOIA AL CIELO DIPINTO DI GUAZZO.

Uoda Rodriguez 6: Dai.

Agrifogli 10: Ma in fondo perché non dargli 10? Grande.

Gabrielo

WeatherTech from ParmaFanzine.it on Vimeo.