LE PAGELLE DI GABRIELO – SERIE D EDITION – PARMA-CORREGGESE 5-1

Abbondante e ridondante vittoria dei crociati contro una Correggese che, pur dimostratasi una squadra capace di gestire il pallone in maniera dignitosa, ha dovuto alzare bandiera bianca contro un undici superiore in ogni fase di gioco e in ogni zona del campo. Punteggio rotondo, per una domenica satolla di gol. Le Pagelle di Gabrielo, Parma-Correggese 5-1.

Gennario Maria Gennario Zommers detto Zommers 6.5: Altra buona prova per il portiere lettone. Si annoia per tutta la partita ma quando è chiamato in causa è reattivo come un gatto selvatico.

Adorni 6.5: Sta maturando e si dimostra sempre più sicuro nel gestire entrambe le fasi di gioco. La crescita personale di questo ragazzo è la speranza di avere già pedine valide per l’anno prossimo, si suppone in Lega Pro. Toccatevi pure le pudenda, amici.

Cacioli 5.5: Brutta prova per il Caciolone nazionale. Causa un rigore stupido e, in generale, è piuttosto in affanno nonostante un paio di disimpegni niente male soprattutto nella ripresa. Giornata no e se capita sempre in un 5-1 va benissimo così.

Lucarelli 6: Partita tranquilla senza patemi. Non soffre quasi nulla in difesa e cerca anche un gol colpendo la palla con un osso ancora non scoperto dalla scienza medica. Dopo il tiro ha riso anche lui.

Saporetti 6: Partita a dire il vero piuttosto anonima dal punto di vista della brillantezza, ma tatticamente la prova è corretta e sufficiente.

Giorgino Jorquera 6.5: Altra prova di spessore. Impressiona soprattutto la calma con la quale gestisce anche i palloni più “hot” con gli avversari addosso, cosa che non si vede spesso fare ai centrocampisti avversari. Bellissimo.

Corapi 6.5: Idem come sopra. Molto calmo e quadrato nel gestire il pallone, senza mai buttarlo via e senza strafare in giocate troppo difficili. Quando un centrocampista è consapevole che spesso la giocata semplice è quella corretta, vuol dire che sta giocando con la testa sulla spalle.

Ricci 5.5: Nettamente sottotono. Non che sbagli molto e probibilmente questo 5.5 è proprio da bastardi senza cuore, ma dai suoi piedi ci si aspetta sempre molto di più. Giornata incolore.

Baraye 9: Che dire, tripletta di assoluta eccellenza tecnica. Imprendibile fisicamente, mette la palla letteralmente dove vuole. Se gioca così è senza dubbio fuori categoria. Furia nera.

Micio Melandri 6: Ha fatto più fatica del solito a penetrare la fascia avversaria, ma alla prima occasione buona ha brillantemente superato il portiere e insaccato. Questa settimana croccantini premium, dai.

Longobardi 7: Il gol è solo la ciliegina sulla torta di una prestazione a completa disposizione della squadra. Ormai penso sia chiaro che Longobardi non sia un vero e proprio bomber, ma piuttosto un giocatore che nonostante la stazza ama svariare, liberare spazi e toccarla per i compagni al momento giusto. Ricorda un po’ Floccari. Lavoro eccellente.

Sereni SV: Entra e vuole fare gol, si è visto. Cerca di accanirsi su una difesa già ampiamente lacerata ma si incaponisce sulla giocata personale. Ho visto tanta “rabbia” nelle sue giocate, ma solo con la calma e la testa potrà superare questo momento dove il pallone non entra mai.

Miglietta SV: Altri 15 minuti per mettere benzina nel serbatoio. Difficile valutare questo giocatore, perché pare evidente che il mister nutra ancora qualche dubbio su di lui.

Guazzo DIVENTO GUAZZO: QUANDO GIOCA GUAZZO IO DIVENTO GUAZZO.