Le Pagelle di Gabrielo, Livorno-Parma 0-3

Ottavo risultato utile consecutivo e seconda vittoria di fila. Questo è il Parma che chiude il girone di andata…e queste sono le pagelle di Livorno-Parma 0-3!!!

Mirante 7: Un paio di interventi decisivi nel peggior momento del Parma, un disimpegno di tacco e ottima sicurezza nelle uscite. E nonostante questo ho più probabilità io di vincere il Pulitzer per le pagelle che lui di andare al mondiale. Misteri della vita.

Rosi 5.5: Un po’ in ombra il romano. Gioca dietro Biabiany e per forza di cose rimane bloccato sulla linea difensiva. Nelle poche sortite offensive esegue dei cross molli come un budino andato a male preparato nel 1965.

Lucarelli 7: HO FINITO LE PAROLE, FATELO MINISTRO DEL MONDO ADESSO. CIAO.

Pedro Bellissimo Mendes 6.5: Puntuale, preciso, pulito. Ogni tanto perde l’uomo ma è anche vero che il suo cliente diretto è scomodo e sbagliare qualche intervento ci può stare. Nel finale si guadagna il primo rigore per il Parma dopo 77 anni con una finta talmente assurda che Messi ha indetto una conferenza stampa per protestare sonoramente.

Gobbi 6: Partita onesta per il nostro Massimone Rock’n’Roll. Rischia qualcosa cercando di emulare il Pallone d’oro in carica Alessandro Lucarelli ma con l’esperienza e l’intelligenza tattica porta a casa la pagnotta. Coglie un palo con uno straordinario tiro di suola.

Parolo 6: Un po’ in ombra in fase offensiva: ormai è chiaro che senza Cassano in campo per lui è difficile proporsi in avanti. Per il resto solita corsa, solita voglia, anche se in più di una occasione si impappina come Gattuso dopo una cena di pesce spada, vino bianco e limoncello. Nella ripresa sfiora il gol con un tiraccio che ha raggiunto i 390 chilometri orari.

 Marchionni 6: Partita pulita, senza spunti ma anche senza errori degni di nota. Onesto. Bassissimo e onesto.

Acquah 7.5: Le ha prese tutte, tutte. Ad un certo punto ha anche scartato due uomini con un numero che ha aperto un varco spaziotemporale nel quale Ghirardi non ha mai detto “motivo d’orgoglio” in vita sua. Spaziale.

Palladino 7: Raffaelissimo, oltre ad avere avuto il merito di aprire le danze con un grandissimo gol, ha giocato una partita intelligente, tenendo palla quando serviva e aiutando in copertura se necessario. Arma in più.

Amauri 7: In realtà ha toccato 5 palloni. Esatto: 5 palloni toccati e 2 gol. Serve altro? No.

Biabiany 6.5: Buona gara per il furetto francese, autore del pregevole assist che ha permesso a Palladino di portare avanti i crociati. Alterna belle giocate alle solite amnesie che non sarebbero perdonabili nemmeno in terzino 39enne di Battipaglia in Eccellenza.

Sansone SV: Il suo obbiettivo era magiare un bel piatto di cacciucco dopo la partita. Ci è riuscito? Non lo so, Sansone non ha manco Twitter.

Gargano SV: Taglio di capelli illegale in 90 paesi del mondo. Tocca 10 palloni, ne perde 9. Ripigliati!

Paletta SV: Ottimo taglio di capelli che nasconde la tragica pelata meglio del solito. Barbiere di prima fascia.

Gabrielo