LAZIO-PARMA 3-2 – Troppo brutti per essere veri

Un Parma davvero troppo brutto per essere vero. Impacciato, poco lucido, privo anche di quella concentrazione necessaria per riuscire a giocare. I crociati prima hanno bisogno di uno schiaffo per svegliarsi dopo 14′, raggiungono il pareggio con Biabiany e chiudono il primo tempo facendo vedere qualche spiraglio positivo. Il secondo tempo però è un film thriller, in cui il Parma è la vittima di sè stesso. Prima la Lazio passa in vantaggio con Klose, che beffa Mirante con un diagonale. Poi sono i biancocelesti a restituire i tanti regali fatti dal Parma durante tutto il match, con un autogol clamoroso di Ciani (Marchetti decisamente colpevole in questo caso). I crociati allora sciupano due gol già fatti prima con Parolo e poi con Palladino, e vengono beffati all’ultimo secondo da Candreva. Una sconfitta meritata, quella degli uomini di Donadoni, che ora devono davvero rimettersi in carreggiata, perchè così non va. Non va proprio.

parmalazio1LA FORMAZIONE: Donadoni, dopo gli esperimenti dal risultato discutibile contro la Juventus, torna al 4-3-3 che ha caratterizzato la striscia positiva durata ben 17 turni. Mirante, quindi, in porta, con Gobbi (e non Molinaro) a sinistra, Cassani a destra e la coppia Felipe-Lucarelli in mezzo. A centrocampo il trio Acquah-Marchionni-Parolo, come da previsione, e anche davanti non ci sono sorprese: Cassano fa il Falso Nueve, accompagnato da Schelotto e Biabiany.

LA PARTITA: Il Parma è chiamato a dare una risposta decisa dopo la sconfitta subita a Torino contro la Juventus, con il conseguente stop alla striscia di risultati utili. I crociati però scendono in campo decisamente “addormentati”, e l’inizio di gara è caratterizzato da molti, moltissimi errori a centrocampo, molti dei quali dovuti a tocchi approssimativi o poco convinti. La Lazio è costretta ad effettuare un cambio dopo solo 10′, con Ciani che prende il posto di Novaretti. Sono proprio i biancocelesti a dare uno schiaffo al Parma in versione “bella addormentata”, con il gol di Lulic in cui Mirante e la difesa crociata peccano di imprecisione. Donadoni è seduto in panchina, desolato, e non riesce a spiegarsi i motivi di un inizio così deludente da parte dei suoi. Il Parma però si sveglia e decide di cominciare a giocare. Prima ci prova Acquah, con un tiro da fuori, e poi Schelotto con un tiro sul quale Marchetti ha compiuto un vero e proprio miracolo. Al 26′ però arriva il pareggio crociato, con Biabiany che sfrutta una ribattuta del portiere biancoceleste e ribadisce il pallone in rete. La Lazio da quel momento in poi quasi scompare, almeno dal punto di vista delle azioni offensive, ed è il Parma a fare la partita, senza però rendersi esageratamente pericoloso. Le squadre vanno dunque negli spogliatoi con animi contrastanti, anche se il Parma sa che deve dimostrare molto di più.
Il secondo tempo inizia subito con una brutta notizia per Donadoni: Lucarelli, diffidato, viene ammonito dopo solo un minuto, e quindi salterà la sfida contro il Napoli. E’ però un Parma davvero troppo impreciso. A mancare non è certo la voglia, ci mancherebbe, ma la lucidità e la concentrazione vista negli ultimi mesi, oggi all’Olimpico, non si è proprio vista. Ed ecco quindi che risorge la Lazio, che riesce addirittura a passare in vantaggio. Dopo 21′ minuti di molto possesso palla da parte dei crociati, sempre però troppo sterile, Klose punisce i crociati e in diagonale batte Mirante. Donadoni, sconsolato, non si capacita di un Parma davvero molto brutto e lascia al vice Gotti il compito di dare istruzioni. La girandola dei cambi vede sedersi in panchina Schelotto, Acquah e Molinaro, con l’ingresso in campo di Palladino, Munari e Molinaro. Il Parma si butta in avanti, ma ha davvero poche idee. Ci vuole allora il pasticcio tra Marchetti e Ciani, con l’autogol di quest’ultimo che di fatto regala il pareggio ai crociati. Il Parma allora ha uno scatto: prima Parolo avrebbe tutto il tempo di stoppare e tirare a due metri dalla porta, e invece colpisce di testa un pallone innocuo per Marchetti, e poi Palladino si addormenta con Marchetti a terra e la porta spalancata e si fa rubare il pallone. Non ci sono parole. E’ la regola più vecchia del calcio: gol sbagliato, gol subito. Ed è infatti Candreva a punire i crociati dopo i clamorosi errori commessi da Palladino e Parolo, portando in vantaggio la Lazio al 47′. Termina quindi il match con un Parma che ha molto, davvero molto da rimproverarsi.

parmalazio2IL FILM DEL PRIMO TEMPO:

2′ – Banti è l’arbitro addizionale appostato nell’area di rigore crociata. E’ importante ricordarlo.
4′ – Tiro di Cana, deviato quasi inganna Mirante.
5′ – Ritmi bassi in questo inizio di gara. Il silenzio dell’Olimpico (la Curva laziale è vuota in protesta nei confronti di Lotito) è abbastanza surreale.
10′ – Entra Ciani al posto di Novaretti, primo cambio nella Lazio per un infortunio.
14′ – Vantaggio della Lazio, gol di Lulic. Un Parma irriconoscibile finora. Lazio-Parma 1-0
15′ – Si può scrivere che stiamo giocando da bestie? Troppi errori, poca concentrazione… Così non va.
18′ – Occasionissima per il Parma!!! Prima Acquah perde l’attimo per tirare da buona posizione, poi il cross per Biabiany che spara alto!
19′ – Per farvi capire quanto sia assordante il silenzio dell’Olimpico, si è appena sentito nitidamente un coro contro Cassano cantato da 3 persone.
24′ – Ci prova Acquah da fuori, pallone ampiamente alto.
25′ – GIOIELLO DI CASSANO per Schelotto (che forse era in fuorigioco), ma Marchetti compie il miracolo sul tiro del Galgo!! Il Parma si sveglia!!
26′ – Il Parma si sveglia e in pochi minuti raggiunge il pareggio!!!! Tiro di Cassano da fuori, Marchetti para ma sulla ribattuta si avventa Biabiany che prima scavalca il portiere con un pallonetto e poi ribadisce in rete di testa!!! Lazio-Parma 1-1
34′ – Molti, moltissimi errori da tutte e due le parti. Non è una bella partita.
34′ – Fallo di Cana su Cassano, prima ammonizione per i biancocelesti.
38′ – Lucarelli devia il pallone in angolo con la mano. Fallo di sicuro non volontario, ed era fuori area, ma l’ammonizione ci poteva stare. L’arbitro però concede l’angolo graziando il Capitano crociato.
39′ – Ad essere graziato è ora Lulic, che colpisce proprio Lucarelli da dietro. L’arbitro lascia correre.
42′ – Ammonizione per Onazi, dopo un fallo su Acquah. L’arbitro prima concede il vantaggio, e poi estrae il giallo ad azione conclusa.
44′ – Bravissimo l’arbitro Damato. Pallone a Schelotto, il guardalinee alza la bandierina ma il passaggio era stato deviato da un difensore. L’arbitro non fischia e lascia giocare, sugli sviluppi nulla di fatto.
45′ – Due minuti di recupero.
46′ – Ci prova Biabiany da fuori area, pallone alto!
47′ – Finisce il primo tempo dopo due minuti di recupero.

lazioparmaevidenzIL FILM DEL SECONDO TEMPO:

1′ – Ammonizione per Lucarelli, che quindi salterà Parma-Napoli.
5′ – Ci prova Cassano da buona posizione, ma il pallone si alza.
8′ – Bellissimo schema su punizione tra Cassano e Marchionni, il tiro del barese viene però respinto da Marchetti!!
15′ – MIRACOLO DI MIRANTE!!!!!! Erroraccio di Lucarelli, Lulic tira da solo davanti a Mirante che smanaccia!!!! Troppi errori in difesa però!!!!
18′ – Giallo anche per Felipe.
19′ – Secondo cambio per la Lazio, entra Keita al posto di Cana.
20′ – Ammonizione per Cassano, che protesta con l’arbitro Damato. Subito arriva Lucarelli a calmare le ire del barese.
21′ – Gol di Klose, Lazio ancora avanti. Lazio-Parma 2-1
22′ – Cambio per il Parma, fuori Schelotto, dentro Palladino.
24′ – Entra Gianni, esce Acquah.
28′ – Tiro di Parolo, pallone sul fondo!!!
33′ – Fuori Gobbi, dentro Molinaro.
35′ – Pasticcio tra Ciani e Marchetti, ed è autogol!!! Lazio-Parma 2-2
38′ – Keita tira da buonissima posizione, ma Mirante blocca!
39′ – Gianni!!!!!!!!!!! Gianni!!!!!! Colpo di testa fuori di un niente!!!
42′ – Klose sfiora il vantaggio per la Lazio!
43′ – INCREDIBILE! Prima Parolo avrebbe tutto il tempo di stoppare e tirare a due metri dalla porta, e invece colpisce di testa un pallone innocuo per Marchetti, e poi Palladino si addormenta con Marchetti a terra e la porta spalancata e si fa rubare il pallone
47′ – Gol di Candreva, la Lazio passa all’ultimo minuto. Lazio-Parma 3-2
50′ – Finisce il match.

L’Editorialista