L’AVVERSARIA – SOCIETA’ GIOVANE A CONDUZIONE FAMIGLIARE – SCOPRIAMO LA VIRTUS CASTELFRANCO

Come di consueto, a poche ore dall’inizio del match, andiamo a dare un’occhiata all’avversaria del Parma.

LA SOCIETA’ – La Virtus Castelfranco Emilia Calcio è nata 24 anni fa, nel 1991, dalla fusione tra Polisportiva Castelfranco e la Virtus Castelfranco. Dal 1994 inizia una scalata che porta in due anni la società dalla Promozione alla Serie D, categoria in cui è rimasta fino alla retrocessione del 2001. Nel 2004 però la Virtus Castelfranco è tornata in Serie D e non l’ha più lasciata, salvandosi ai playout nel 2009 e sfiorando i playoff nel 2011. Nel 2013 invece ha raggiunto i playoff uscendo solo in semifinale contro la Virtus Vecomp Verona. Quel risultato le avrebbe valso il ripescaggio in Lega Pro, al quale però ha rinunciato per motivi economici. La Virtus Castelfranco, negli ultimi anni, ha anche dato il la alla nascita di alcuni talenti come Di Gaudio, oggi al Carpi, Di Maio (Lecce), Koffi (Modena) ed altri.

L’ALLENATORE – Il tecnico della Virtus Castelfranco è Marcello Chezzi, al decimo anno sulla panchina della società emiliana. Quella della Virtus è una gestione quasi famigliare, visto che il padre del tecnico è il Presidente dal 2010, anche se è in società da oltre trent’anni (prima come Direttore Sportivo), mentre la sorella del tecnico ricopre un ruolo di segreteria e di addetto stampa. Un paio d’anni fa Chezzi era vicino a lasciare la panchina, perchè in società si parlava di ridimensionamento, ma alla fine decise di rimanere.

imageLA SQUADRA – Tra i pali c’è Gabriele Gibertini, classe ’93 alla quinta stagione alla Virtus Castelfranco con la quale ha raccolto 117 presenze in categoria. In difesa, oltre a Biagini (che abbiamo intervistato ieri) c’è l’esperto Sebastiano Girelli, che nelle tante stagioni passate a Sassuolo ha collezionato anche 6 presenze in Serie B. Assieme a loro Luca Benedetti, classe ’92 con alcune stagioni in C2 con la maglia del Santarcangelo, ed il classe ’97 Matteo Laruccia. A centrocampo i punti di forza sono senza dubbio Elia Cortesi, classe ’92, che dopo essere uscito dal vivaio atalantino ha giocato in C con Carpi, Foggia e Bassano, e Lorenzo Marmiroli, classe ’94 che ha iniziato la carriera alla Reggiana ma con la maglia della Pro Piacenza ha anche disputato una stagione in Serie C. In attacco il bomber finora è il giovanissimo Alex Rolfini, classe ’96, che fin qui ha messo a segno 4 reti. Non sarà della gara invece il talentuoso esterno Spadafora, squalificato per due giornate dopo aver sputato nei piedi del portiere del Mezzolara domenica scorsa.