LAURIA: “IL CORTEO È STATO DA BRIVIDI. METTIAMO L’ANIMA PER PORTARE IL PARMA DOVE MERITA” – VIDEO

Ha segnato il gol del pareggio, dopo l’assist di Longobardi che gli ha permesso di rimediare al rigore sbagliato. Fabio Lauria è finalmente riuscito a segnare il primo gol in maglia crociata, trovando il momentaneo pareggio.

Ecco il video e la trascrizione delle parole di Fabio Lauria in sala stampa al termine di Parma-Villafranca:

È stato per me un gol che mi ha sbloccato e soprattutto ha sbloccato la squadra. Sapevamo che sarebbero venuti a chiudersi, sapevamo delle difficoltà e nel primo tempo ne abbiamo incontrate veramente tante. Longo è un attaccante che per noi è importante, fa da sponda, ci allunga gli spazi, e si sta adattando molto bene al ruolo di prima punta. Siamo completi, abbiamo due prime punte che possono giocare bene insieme, e la cosa principale è che ci sacrifichiamo molto, e questo aiuta la squadra villafranca-evidenzaa rimanere a volte corta, anche se ora ci allunghiamo un pochino per via della condizione fisica, ma avere un attaccante come Longobardi a noi ci aiuta molto. Le sensazioni dal primo giorno sono bellissime, perchè anche se abbiamo fatto partite io personalmente li ho avuti sempre contro, i tifosi, e quest’anno averli a favore è bellissimo. Non nascondiamo che qui c’è tutto per giocare a calcio e basta, è una struttura da Serie A, come il tifo. Il nome, lo stadio, il centro sportivo e la gente sono da serie A, e non è da tutti, nemmeno in C, avere un corteo come quello di oggi. Mi sono venuti i brividi. Ci stiamo godendo tutti questo momento, ci stiamo mettendo l’anima per cercare di portare il Parma dove merita. Il modulo di gioco? Io parlo per caratteristiche mie, ed è un modulo che ho sempre fatto. L’anno scorso ho giocato in quella posizione, e in questo momento penso che il mister abbia fatto delle valutazioni su chi sta bene fisicamente. Il Delta Rovigo ha perso la seconda gara di fila? Io questo girone l’ho fatto l’anno scorso, e dalle squadre che ho visto è cambiato un pochino, ma è più duro. La mentalità è fondamentale in questa categoria. Arrivare primo non è facile, e se ti chiami Parma diventa ancora più dura”.