IMBORGIA A PFZ.IT – “HO FIRMATO LA RIDUZIONE, E SONO CONVINTO CHE GLI ALTRI FARANNO LO STESSO”

Tra i vari incontri che i curatori stanno svolgendo per abbattere il debito sportivo, questo pomeriggio c’è stata anche la stretta di mano tra Anedda, Guiotto ed Antonino Imborgia, ex dirigente del Parma, che ha accettato la riduzione del 75% dei propri crediti.

L’abbiamo interpellato telefonicamente per capire i motivi di questa scelta, con la quale di fatto si è allineato alla decisione dello spogliatoio crociato con la volontà di poter garantire un futuro alla società.

Ecco le sue parole, ai nostri microfoni:

imborgiaL’accordo c’è, hanno chiesto il mio apporto per fare sì che il Parma fosse un po’ più appetibile ed io ho accettato di buon grado. Tanto io avevo già rinunciato ad un anno e mezzo di contratto quando mi sono dimesso: così almeno diamo un senso a quello che è stato fatto. Darò il mio contributo, magari è una goccia in mezzo ad un oceano, ma tante piccole gocce poi fanno un mare. Mi auguro e spero che tutti quelli che devono ancora decidere facciano lo stesso. Anzi, se potessi chiamarli uno per uno lo farei, ma non è il mio compito. Però in questa situazione il calcio ha tutto da perdere e niente da guadagnare, perchè una piazza come quella di Parma credo che sia unica nel panorama nazionale. Io non credo che esista un’altra piazza in cui succeda una cosa del genere e dove la gente reagisce in un modo assolutamente civile. Il contributo che noi gente di calcio dobbiamo dare è quello di fare il possibile per rendere questa piazza rivendibile e riproponibile in Serie B, in modo che possa trovare un compratore. Mi addolora pensare che il tessuto imprenditoriale locale sia in attesa per comprarlo solo in Serie D. Questo mi addolora molto. Se quelli da fuori come me hanno la sensibilità di capire qual è il patrimonio di civiltà di questa città e di questo posto, mentre quelli che ci sono nati e che hanno ricevuto dal territorio non lo capiscono allora può darsi che il mondo va al contrario. I dissidenti? Io credo che quello che io ed altri abbiamo sentito di fare dovrebbe essere oggetto di un copia-incolla da parte di tanti altri che fino ad adesso non l’hanno fatto. Io penso che tutti sistemeranno le loro cose, perchè li conosco. Non c’è un motivo per non farlo. A chi dovremmo fare un dispetto? Alla città? Alla fine il parmigiano, il tifoso cos’hanno fatto di male? Sarebbe quasi una vendetta nei loro confronti. Cassano? Ho avuto ed ho un ottimo rapporto con lui, fatto di sincerità. Alle volte non la pensavamo allo stesso modo però abbiamo sempre avuto un buon rapporto. L’ho anche incontrato per caso, di recente. Io credo che poi alla fine accetterà di firmare, ma sono convinto che lo faranno anche gli altri. Ne sono convinto al 100%

(La foto di Antonino Imborgia è del sito VareseSport.com)