IL TRIBUNALE DI BOLOGNA DICE “NO” AL SEQUESTRO DEI BENI PER GHIRARDI, LEONARDI ED ALTRI

Tommaso e Susanna Ghirardi, Leonardi, Schinelli, Volpi, Balestrieri, Scalia, Bonzi, Rossi, Bastianon, Sorlini, Magri, Riccobene, Martini, Zaglio, Serena e Giuli. Questi i diciassette nomi (o meglio, cognomi) citati dai curatori fallimentari nella richiesta di sequestro conservativo relativo al crac Parma Fc. Una richiesta volta a cercare di recuperare 60 milioni di euro: questa la cifra calcolata da Anedda e Guiotto. Il Tribunale delle Imprese di Bologna ha però prima bloccato la richiesta di sequestro, richiedendo un’ulteriore perizia (che abbiamo analizzato qui su Pfz.it), ed ora, come riportato da Tv Parma, ha rigettato la richiesta. Nessun sequestro conservativo, dunque. Proseguono intanto le indagini della Procura di Parma, anche se su questo fronte non ci sono apparentemente delle novità di rilievo.