I CURATORI: “IL MARCHIO “PARMA FC” È DI PROPRIETA’ DELLA SOCIETA’ CROCIATA, NON DI EVENTI SPORTIVI”

In attesa di conoscere le sorti del Centro Sportivo di Collecchio, Anedda e Guiotto hanno “riportato a casa” il marchio, che era stato ceduto all’Eventi Sportivi nell’ambito di un’operazione finanziaria dai contorni non troppo chiari. Ebbene, dopo una serie di accertamenti richiesti dai curatori fallimentari, è stato stabilito che il marchio “Parma Fc” è di proprietà della società crociata, non della controllante. Ed è un’ottima notizia.

Ecco il comunicato dei curatori fallimentari:

marchioLa conferma arriva dall’ufficio Brevetti e Marchi del Ministero dello Sviluppo Economico dopo gli accertamenti promossi dai curatori fallimentari Angelo Anedda e Alberto Guiotto. L’azienda sportiva comprenderà quindi anche il marchio utilizzato quale segno distintivo della storica squadra calcistica. Marchio che risulta tuttora registrato a nome “Parma Football Club S.p.A.”. Ciò comporta che eventuali asserite cessioni del marchio a soggetti terzi siano considerate inefficaci e inopponibili alla procedura ai sensi dell’art. 45 della legge fallimentare e che il marchio “Parma FC” rientri, a tutti gli effetti, nel patrimonio aziendale di Parma Football Club S.p.A..”