IL GOL-NON GOL DI NOCCIOLINI E QUEL POST “EVITABILE”…

Nel 2012 il Milan pubblicò sul proprio sito ufficiale una foto che fece molto discutere, al termine di una sfida contro il Catania. Il fotogramma riprendeva il momento in cui Marchese, giocatore della squadra siciliana, spazzava un pallone calciato da Robinho che, a giudicare da quello stesso fotogramma, sembrava essere nettamente oltre la linea. Con ancora la rabbia in corpo per il famoso “gol di Muntari”, la società rossonera decise di pubblicare quella foto con un duro commento, che parlava di errore “inaccettabile”. Insomma, una protesta ufficiale, una lamentela inequivocabile e con toni duri e difficili da mal interpretare. Quella sera in molti parlarono di caduta di stile da parte della società rossonera, cosa che, da osservatori esterni, ci aveva trovato d’accordo.

Questo pomeriggio, in quel di Santarcangelo, è successa una cosa che ci ha ricordato quell’episodio. Parliamoci chiaro: il pallone, dopo il colpo di testa di Nocciolini, è entrato. Lo sappiamo tutti, e soprattutto l’abbiamo detto tutti. L’hanno scritto subito i giornali online, con tanto di foto, l’abbiamo detto in radiocronaca, immaginiamo che sia stato detto anche in telecronaca. L’errore dell’arbitro (oggi palesemente inadeguato) ma soprattutto del guardalinee è chiaro, netto, insindacabile. All’intervallo tra il primo ed il secondo tempo, anche il Parma ha voluto, tramite il proprio profilo ufficiale, annunciare pubblicamente l’errore, pubblicando uno scatto del fotografo Alessandro Filoramo. “Gol o non gol? A voi il giudizio se il pallone toccato da Manuel Nocciolini al 15′ di#santarcangeloparma ha oltrepassato la linea della porta avversaria“. Questo il commento a margine. Ecco, rispetto al precedente del Milan il tutto è ovviamente affrontato con maggiore classe, perchè quello del Milan fu un attacco durissimo (non a caso venne utilizzata la parola “inaccettabile”), mentre la società crociata si è limitata a mettere a disposizione (con il chiaro intento di far vedere che si trattasse di un gol netto) di tutti uno scatto che permettesse ad ognuno di noi di giudicare una cosa che, però, tutti sapevano già.

Anche in questo caso si tratta (a nostro giudizio) di una protesta pubblica, mossa attraverso i canali ufficiali, o almeno è ciò che viene da pensare. Velata e comunque con toni assolutamente pacati, questo lo vogliamo sottolineare, ma, a nostro giudizio, evitabile, soprattutto perchè pubblicata a partita in corso, mentre in campo gol-non-golstava per iniziare un secondo tempo che ha visto i crociati palesare difficoltà lampanti dal punto di vista del gioco offensivo. La società, fatta eccezione per lo sfogo di Lucarelli dopo Parma-Ribelle lo scorso anno, ha sempre mantenuto una linea chiara, non commentando o quasi eventuali situazioni dubbie o arbitraggi discutibili. A volte è inevitabile farlo, anche perchè noi giornalisti da questo punto di vista siamo diabolici nel punzecchiare i protagonisti, ma in sostanza non si ricordano (ribadiamo, fatta eccezione per lo sfogo del Capitano che per quelle parole lo scorso anno ricevette un turno di squalifica) proteste di rilievo dalla “rinascita” ad oggi. Sono particolari, quelli della foto, che contribuiscono secondo la nostra opinione a rendere antipatica una società che invece, sia nelle intenzioni che nei modi, antipatica non lo è mai stata. Ma soprattutto la cosa importante è quella di non creare alibi ad una squadra che al momento sta faticando. Nessuno l’ha fatto direttamente, sia chiaro, nè la società nè i protagonisti al termine della gara. Ma poi, inconsciamente, il rischio di pensare che, comunque, il Parma un gol l’aveva fatto quindi tutto sommato a Santarcangelo non è andata poi così male è dietro l’angolo.

L’ideale, invece, sarebbe avere una squadra che riesca ad essere più forte di tutto e di tutti, anche dei torti arbitrali, e che magari eviti pubblicamente di attirarsi antipatie. Era gol? Certo, ed è duro e irritante vedere errori di questo tipo. L’abbiamo detto tutti, l’hanno visto subito anche i tifosi. Ne scriveranno i giornali, lo diranno le televisioni. C’era davvero il bisogno (in buona fede, sia chiaro) di denunciare l’accaduto anche attraverso il profilo societario?

(Come indicato nella didascalia che abbiamo inserito nella foto, lo scatto del gol-non gol è di Alessandro Filoramo, pubblicato dal profilo ufficiale Facebook del Parma)