GLI INCONTRI DI ANEDDA E GUIOTTO CON LEGA, AIC, E FIGC: DAL “PARACADUTE” PER LA B AL DEBITO SPORTIVO

Come raccontato nei giorni scorsi, i curatori fallimentari Anedda e Guiotto hanno incontrato prima la Lega, poi l’Aic e oggi Tavecchio. Al termine di questa tre giorni di appuntamenti, i curatori attraverso un comunicato hanno raccontato l’esito dei colloqui con le principali istituzioni calcistiche. Sono stati toccati alcuni punti importanti, come la richiesta da parte dei curatori della disponibilità da parte della Lega di mettere a disposizione di un eventuale acquirente il “Paracadute” destinato al Parma in caso di retrocessione. La richiesta ha avuto riscontri positivi, e questo è un altro tassello decisamente importante nel tentativo di rendere la società appetibile a chi volesse acquistarla e salvaguardare il titolo sportivo.

Ecco il testo del comunicato:

guiottoaneddaAngelo Anedda ed Alberto Guiotto, curatori fallimentari del Parma FC, hanno incontrato a Milano, nel pomeriggio di martedì 31 marzo, i vertici della Lega serie A tra i quali il presidente Beretta, il direttore generale Brunelli e il responsabile dell’ufficio legale. Oggetto della discussione, oltre all’erogazione del contributo di 5 milioni a sostegno dell’esercizio provvisorio, sono stati i rapporti di debito e credito con il Parma FC e la consistenza del debito sportivo. In particolare, i curatori hanno trattato la disponibilità dell’intero “paracadute retrocesse” a favore dell’acquirente dell’azienda sportiva, ottenendo riscontri positivi. Il successivo primo aprile, sempre a Milano, i curatori hanno avuto un incontro tecnico con gli avvocati dell’Associazione Italiana Calciatori in merito alla riduzione dei costi operativi dell’esercizio provvisorio; in quella sede sono state affrontate, in via preliminare, anche alcune ipotesi di ristrutturazione del debito sportivo che possano tutelare, in ogni caso, il credito dei tesserati nei confronti della procedura fallimentare. La discussione con l’AIC è destinata a proseguire già nei primi giorni della prossima settimana presso la sede del Parma FC, alla presenza del presidente Damiano Tommasi e del coadiutore dei curatori Demetrio Albertini. In data odierna, infine, il dott. Anedda e il dott. Guiotto hanno incontrato presso la sede della FIGC a Roma il presidente Carlo Tavecchio e il suo staff, con i quali hanno affrontato il tema delle recenti ipotesi di riforma delle norme federali e del loro impatto sull’attuale situazione del Parma Calcio, con particolare riferimento alla struttura e alle dimensioni del debito sportivo. Sull’argomento sono in corso approfondimenti da parte dei legali della procedura. A latere dell’incontro è stata formulata l’ipotesi di utilizzare il Centro federale di Coverciano per ospitare la squadra del Parma in occasione della trasferta ad Empoli. Tutti gli incontri si sono svolti in un clima molto cordiale e costruttivo, caratterizzato dalla comune volontà di ricercare una soluzione positiva alla vicenda fallimentare del Parma FC che possa concludersi con l’iscrizione della squadra parmigiana in serie B”.