GLI “AZZURRO-CROCIATI” – ITALIA-IRLANDA – LA PRESTAZIONE DI PAROLO

Diamo uno sguardo alla prestazione degli “azzurro-crociati”, nell’amichevole di ieri tra Italia ed Irlanda.

parolovsirlandaMarco Parolo è uno di quelli che sta lottando per un posto ai Mondiali. Oltre a Mirante, che è praticamente certo di non partire, è forse quello che deve dimostrare ancora qualcosa al Ct, che comunque per ora lo starebbe tenendo in considerazione per un posto nei 23 (soprattutto dopo che Prandelli ha annunciato di voler ampliare a 24 o 25 il numero dei convocati). Ieri sera ha potuto sfruttare addirittura due infortuni: Montolivo per la frattura alla tibia subita durante la gara saluta tutti e mette a disposizione il proprio biglietto per il Brasile, ed Aquilani, entrato al suo posto, deve uscire per un forte colpo alla tempia. Parolo entra quindi con tutta la voglia di sfruttare l’occasione concessagli dal Ct e dalla buona sorte, e nel complesso si rende protagonista di una discreta prova. Molta voglia, come sempre, e si rende anche pericoloso da fuori area. Le sue quotazioni ora sono sempre più alte.

I VOTI DEI PRINCIPALI QUOTIDIANI NAZIONALI:

Gazzetta dello Sport – 6,5: Stadio inglese che più inglese non si può e il Gerrard italiano sente aria di casa; corsa, inserimenti, tiri. Sembra che ce l’abbia fatta a entrare nei 23.

Corriere dello Sport – 6: E’ il parmigiano il giocatore chiamato da Prandelli a ritrovare equilibrio in mezzo al campo dopo la serie di sbandamenti appena ricordati. Prova discreta, in fondo in fondo.

TuttoSport – 6: Entra con buona personalità e grinta, anche perchè sa che si sta giocando l’occasione della vita. Prova anche la conclusione.

Repubblica – 6: Dev’essersi sentito come il pattinatore Bradbury, che nel 2002 vedeva cadere tutti quelli che gli stavano davanti (e poi vinse l’oro). Un tiro pericoloso alla mezz’ora della ripresa.