GIORGINO: “OGGI ERA IMPORTANTE VINCERE, ABBIAMO RACCOLTO MENO DI QUELLO CHE ABBIAMO CREATO” – VIDEO

Anche quest’oggi, come ormai d’abitudine, Davide Giorgino ha giocato una buona gara in mezzo al campo. Il motorino del centrocampo di Apolloni al termine della partita ha poi analizzato la vittoria ritrovata al microfono dei giornalisti.

Ecco il video e la trascrizione delle sue parole:

Il Parma anche oggi ha faticato in fase offensiva? Sicuramente abbiamo raccolto meno di quello che abbiamo creato. Penso che la squadra oggi abbia fatto una grande partita sotto il punto di vista del gioco e dell’attenzione, abbiamo subito solo una ripartenza nel finale che ci poteva costare cara, ma abbiamo creato tantissime palle gol, non siamo riusciti a concretizzarle, poi per fortuna Messina ha fatto il gol che ci ha dato i tre punti. Abbiamo dato una risposta importante al campionato e alla gente che pensava che magari il Parma fosse in calo. In queste ultime partite non siamo stati brillanti sotto porta, non siamo stati cinici come altre occasioni. A Valdagno la squadra aveva creato tre palle gol e ne aveva messe dentro due, quindi avevamo perso un po’ questo cinismo. Oggi siamo riusciti a farne uno, speriamo che nelle prossime partite la squadra possa esprimere il proprio potenziale offensivo nel migliore dei modi e cercare di sbloccare prima la partita. Noi centrocampisti tiriamo poco in porta da lontano? A volte dalla tribuna può sembrare molto semplice calciare da fuori, o cercare la conclusione, ma non sempre è così semplice. Oggi ad esempio mi è capitato due volte nella stessa gara, e forse non mi era mai successo dall’inizio dell’anno. Non è lentigione-evidenzasempre semplice, a volte ti accorgi magari che un tuo compagno è smarcato ed in una condizione migliore, quindi cerchi di servirlo. Magari bisogna trovare anche le conclusioni da fuori, per ora ci teniamo quella di Messina che ci ha dato i tre punti. Com’è andata con il nuovo modulo? Penso che sia andata abbastanza bene, ho visto una squadra che ha proposto un gioco fluido, anche perchè loro non hanno fatto questa partita all’attacco, hanno cercato di contenerci. La squadra ha mosso bene la palla, abbiamo creato tante occasioni, quindi penso che sia andata abbastanza bene. Magari nel primo tempo non ci siamo mossi alla perfezione, però all’intervallo abbiamo parlato con il Mister, ci ha dato delle indicazioni e nel secondo tempo i frutti si sono visti. Quel contropiede nel finale? Non ricordo bene, una palla persa da un nostro attaccante e loro sono partiti in contropiede. Sono cose che purtroppo possono capitare per una squadra come noi che comunque cerca sempre di proporre il proprio gioco e cerca sempre di andare in avanti. Una volta a partita ti può capitare, ci può stare, ma cercheremo di limare anche questi piccoli errori. Non ho ancora parlato del futuro. Penso che la società farà delle valutazioni solo alla fine. Penso che la maggior parte di noi o quasi tutti sarebbe felice di rimanere qui a Parma, perchè c’è un ambiente fantastico, abbiamo tutto per fare bene. Il primo obbiettivo è quello di vincere il campionato, poi la società deciderà con chi parlare o meno, e si vedrà. Il rigore su Longobardi? Non ho visto le immagini, poi in campo è una frazione di secondo. Purtroppo è un periodo in cui siamo sfortunati e non riusciamo a prendere dei calci di rigore. Oggi l’importante era vincere, la squadra l’ha fatto, ora mancano nove partite, una in meno, dobbiamo ragionare di domenica in domenica fino a quando non raggiungeremo l’obbiettivo“.