GHIRARDI: “NON TORNO INDIETRO. OFFERTE RICEVUTE PER COMPRARE IL PARMA? ZERO”

Nonostante l’annuncio fatto dopo il mancato rilascio della Licenza Uefa, Tommaso Ghirardi sta continuando a portare avanti il proprio ruolo di consigliere di Lega almeno fino al momento delle effettive dimissioni da Presidente del Parma, che dovrebbero arrivare durante la prossima assemblea del Cda crociato. Proprio al termine di una riunione in Lega il Presidente crociato ha parlato con i giornalisti.

ghirardi2Ecco le sue parole, riportate da Tmw:

“All’ordine del giorno ci sono i diritti tv, adesso l’assemblea deciderà. Non sappiamo più di tanto, vediamo come andrà: l’asta è facile, chi se l’aggiudica la vince. Come va? Io non mi sono ancora ripreso dalla botta data ma qui devo esserci, l’interesse è alto e devo tutelarli. Sono qui come azionista del Parma. Non ho cambiato idea, assolutamente: questo ambiente ha bisogno di cambiamenti, non sono la persona giusta per farne. Non mi sento più di partecipare a questo mondo, la mia storia col calcio è chiusa. Ho già fatto le mie scelte, se non cambia il calcio, e non ho fiducia, non torno indietro. Mi han chiamato tutti ma dopo non serve: si poteva far qualcosa prima, ricevere sostegno prima. La cosa era banale, se la Lega si fosse mossa prima, si sarebbe potuto risolvere tutto. Io ho sempre fatto sport per raggiungere obiettivi e non mi fanno partecipare alla Uefa, in questo mondo non ci sto più. Il futuro del club? E’ una società solida, controllata dalla mia famiglia, che continua a tutelare gli interessi del club. Non lo faremo andare allo sfascio; Leonardi è l’ad, la mia famiglia è azionista, io son qui perché più esperto di Lega ma sono qui solo per tutelare gli interessi del club. Nuovi azionisti? Il club è in vendita. Offerte? Zero. Voglio interessi veri e non manifestazioni di chiacchierata, quelle non servono. Tornare allo stadio da tifoso? Difficile, ora devo fare ancora le vacanze…