Ghirardi alla DS – Il sogno europeo, Donadoni, Malesani e qualche risata

Era stata annunciata nel pomeriggio la sua presenza alla Domenica Sportiva, per parlare del Parma e dei suoi sogni europei. Tommaso Ghirardi, in diretta su RaiDue, approfitta della domenica libera visto che il Parma giocherà domani contro la Fiorentina per sedersi in studio con Ivan Zazzaroni, Marco Civoli e compagnia per dare ulteriore lustro ai risultati e alla stagione che i crociati stanno vivendo quest’anno.

genegnocchipaniniSUBITO “GNOCCAO SHOW”: In avvio di puntata, dopo la presentazione degli ospiti in studio, c’è subito la prima gag tra Gene Gnocchi ed il Presidente crociato. Il comico, infatti, prende la parola e annuncia “Visto che c’è Ghirardi, e se non ci penso io non ci pensa nessuno, ho portato dei panini per il Presidente del Parma. Ho cotto e mayo, quali vuoi?“. Pochi minuti dopo: “Non trovi Paola (Ferrari, Ndr), che Ghirardi assomigli a Raphael Gualazzi dopo che si è mangiato l’intera orchestra di Sanremo?“. Il pubblico in sala si diverte ed applaude.
Il Presidente accetta le battute con un sorriso. Del resto proprio lui aveva tesserato Gene Gnocchi il 23 marzo 2007, con un contratto bimestrale a 1500€ al mese, raccogliendo l’appello lanciato durante Quelli Che Il Calcio. Il comico, però, non riuscì ad esordire in Serie A visto che il Parma non ottenne una salvezza anticipata che potesse permettere all’allora allenatore Claudio Ranieri (subentrato a Pioli nel febbraio 2007) di schierarlo per uno spezzone di gara. All’epoca scelse il numero 52, e sulla maglia fece apporre il nome di “Gnoccao“.

ghirardidomenicasportivaFARI PUNTATI SUL PARMA:Il punto su questo Super Parma“, annuncia Paola Ferrari. E’ la squadra crociata, infatti, la protagonista della prima parte della trasmissione targata Rai, dopo il doveroso spazio alle Olimpiadi ParaOlimpiche Invernali. Dopo un servizio di presentazione dedicato alla gara di domani, e sotto il titolo “Proiezione Europa” si inizia a parlare dei crociati. La conduttrice (che annuncia che il Parma di oggi sta facendo meglio di quello di Scala, senza però aggiungere il riferimento al record di risultati utili consecutivi, perchè onestamente la frase espressa non rispecchia il vero, con tutto il rispetto per questo Parma e per Paola Ferrari) incalza subito il Presidente, chiedendogli cosa si prova ad inseguire un posto in Europa. Ghirardi gonfia il petto: “E’ una bella soddisfazione, stiamo vivendo un bel campionato e stiamo crescendo di anno in anno, perchè abbiamo una media del nono posto negli ultimi anni. Donadoni sta facendo molto bene, sta dando un gioco alla nostra squadra“. Zazzaroni, dall’altra parte dello studio, irrompe nel dibattito: “Sono tre anni che spendi poco, anche“. Prima della risposta del Pres, però, interviene Gnocchi, spostando l’attenzione su Cassano: “Ricordati che è il primo presidente a non essere stato mandato a quel paese da Cassano” scherza. Paola Ferrari coglie la palla al balzo e chiede al Presidente se la querelle Cassano-Sampdoria l’abbia infastidito. “Mi fa piacere, perchè così posso fare chiarezza – risponde GhirardiCassano ha un legame con Genova perchè ci vive la madre, sta molto bene a Parma però ha la consapevolezza di poter tornare in futuro. A gennaio sono arrivate telefonate che non dovevano arrivare, ma non dalla società doriana, ma da qualcun’altro, e il ragazzo ha vacillato un poco. Se resta a Parma la prossima stagione? Mi auguro di tenerlo, ed ho un rapporto molto sincero e molto diretto. Siamo d’accordo che ogni anno a fine stagione faremo una chiacchierata e quella che sarà la volontà di entrambi sarà esaudita“.
L’importanza di Cassano viene sottolineata anche da Bacconi, che snocciola statistiche sul barese: “Per capire la sua importanza basti pensare che finora ha fornito 48 assist ai compagni, 4 in più di Borja Valero“. Numeri non da poco, insomma.

donadoni1L’IMPORTANZA DI DONADONI: Da Cassano a Donadoni. E’ sul tecnico bergamasco infatti che si spostano i riflettori, con Fulvio Collovati che, dopo aver tessuto dell’attuale tecnico crociato, ha chiesto al Presidente cosa sarebbe disposto a fare per trattenerlo. “Donadoni ha voluto assieme a noi fare un contratto di due anni nella passata stagione. – risponde Ghirardi – Io gli precisai che quando si fanno dei contratti bisogna rispettarli. Non amo i contratti lunghi, ma lui mi disse che era orgoglioso del fatto che io gli avessi offerto un contratto di due anni. Io sono sicuro che l’anno prossimo sarà ancora con noi, poi se arriveranno delle offerte importanti vedremo. Credo che farà una grande carriera, perchè forse non è stato aspettato, perchè da questi grandi campioni ci si aspetta che facciano subito grandi cose. Credo che stia facendo un discorso importante, e lo sta dimostrando a Parma“.
Su Donadoni interviene anche Brio, ex difensore juventino negli anni ’80, sottolineando la sua abitudine a stare lontano dai riflettori: “Donadoni non si sa vendere, fa i fatti. Ci sono tanti ciarlatani in giro ma lui pensa a dimostrare con i fatti“.

unuomochiamatoesoneroL’INTERMEZZO “VARIDOIANIS”: In collegamento dall’Olimpico c’è Malesani, a caldo dopo la sconfitta contro la Lazio. Il tecnico cerca di difendere il suo operato, mentre in studio fanno di tutto per cercare di scatenare la furia di Mister Varidoianis. All’ennesima punzecchiatura, questa volta da parte di Brio, che gli chiede conto dei tanti gol subiti dal Sassuolo, Malesani sconsolato chiede pietà: “Sergio, sei stato anche un giocatore, perchè devi continuare a chiedermi cose del genere?“. Poco prima, quando con lo stesso ex tecnico crociato si dibatteva sulla sua panchina in bilico aveva affermato, suscitando l’ilarità dei presenti: “Spero, viste le mie ultime esperienze, di non diventare un icona dell’esonero“. Alla fine, dopo che Gene Gnocchi ha lanciato qualche battuta sul suo parrucchiere, ha abbandonato seccato il collegamento. Ora però sarò contento, visto che in settimana aveva annunciato che da quella contro il Parma sarebbero arrivate delle sfide abbordabili. Contento lui… Sulla situazione del Sassuolo viene interpellato anche Ghirardi: “Chiaramente io capisco il Sassuolo, non glielo auguro ma sta vivendo la situazione che ho vissuto io i primi anni. Quando sei in Serie A hai raggiunto un sogno, il Sassuolo ha una proprietà molto solida e capace, ma a volte quando inserisci tanti giocatori crei un po’ di confusione. Io mi posso immedesimare nella proprietà del Sassuolo, perchè anch’io in passato ho esagerato nell’acquistare dei giocatori, ma è tutto fatto per il bene della squadra e per l’obiettivo salvezza“.

domenicasportivastudio

IL GHIRARDI-PENSIERO SULLA CONTESTAZIONE NEI CONFRONTI DI LOTITO: 30mila tifosi della Lazio, in palese contestazione verso il Presidente Lotito, hanno marciato fino allo Stadio Olimpico e una volta entrati sugli spalti hanno esposto un cartello con un messaggio inequivocabile: “Libera la Lazio“. Dopo lo sfogo del Presidente biancoceleste, in diretta, viene interpellato il collega Ghirardi, che lo appoggia: “Saluto Lotito, devo dire che gli riconosco un grande lavoro, perchè come me ha comprato una società che ha avuto un passato sportivo importante, ma a livello economico non esaltante. So che lavoro ci sia per riportare il tutto alla normalità. Mi dispiace che ci siano queste manifestazioni, gli auguro che si risolva questa faccenda perchè non è bello vedere così tanti tifosi appassionati contestare così un Presidente e una società“. Banale, forse, ma inevitabile ripensare ai fischi (pochi) del Tardini o i malumori espressi dalla città ducale, che paragonati con quello che è successo a Roma questa sera acquistano un aspetto completamente diverso.

genegnocchiLA FORMICA ATOMICA: Il dibattito si sposta sulla Juventus, e c’è anche spazio per parlare di Giovinco: “Noi abbiamo un bellissimo ricordo di Sebastian“, sottolinea Ghirardi. Anche in banca…” lo interrompe un fumantino Zazzaroni. “Noi lo pagammo 4 milioni quando sembrava un giocatore sopravvalutato. Se lo rivorrei a Parma? Lo riprenderei, certo, è un giocatore molto importante, e non credo che la Juventus se ne priverà facilmente. Ma è un giocatore chiuso da grandi campioni come Tevez, Llorente e compagnia…

Il resto della trasmissione, come nelle attese, riguarda Juventus, Napoli e le altre grandi. Possiamo quindi spegnere la tv e andare a nanna, che domani c’è in programma una sfida importante…

L’Editorialista