A GENNAIO LA COPPA D’AFRICA: SONO CINQUE I CROCIATI “A RISCHIO”

coppafricalogoSul mercato e sulla pianificazione della prossima stagione dei crociati, quest’anno, c’è una variabile non da poco che Leonardi ed il suo staff stanno sicuramente prendendo in considerazione. Il 17 gennaio, infatti, prenderà il via la Coppa d’Africa, che avrà luogo in Marocco, e che terminerà l’8 febbraio con la finale che decreterà la vincitrice. Il regolamento della AFCON 2015 (African Cup Of Nation) prevede 7 gironi eliminatori formati ciascuno da 4 squadre, che verranno giocati all’italiana (andata e ritorno) tra settembre e novembre. Le prime due di ogni girone (e la migliore terza) si guadagneranno l’accesso alla fase finale che inizierà, appunto, il 17 gennaio.

Sono 5 i giocatori africani che il Parma avrà nella propria rosa, a meno che il mercato non porti a degli stravolgimenti: Acquah, Mesbah, Belfodil, Ghezzal e Bidaoui. Se per Acquah e Mesbah la convocazione è quasi certa, per gli altri tre dipenderà ovviamente dalle loro prestazioni con la maglia crociata. Belfodil con l’Algeria ha raccimolato solo due presenze, entrambe nel 2013, e quindi dovrà disputare una grande stagione per riuscire a strappare un biglietto per la competizione. Stessa cosa per Ghezzal e Bidaoui: l’algerino ha addirittura disputato un Mondiale, nel 2010, e nel suo score personale figurano 28 presenze e 3 reti, ma nell’ultima Coppa del Mondo non era tra i convocati; Bidaoui, invece, ha giocato solo 6 volte con il Marocco, e sempre con le formazioni giovanili (4 con la squadra olimpica e 2 con l’U-21).

coppafricadateC’è anche da considerare il fatto che, a parte il Marocco che essendo la nazione ospitante è già qualificata alla fase finale, sia il Ghana di Acquah che l’Algeria di Belfodil, Mesbah e Ghezzal dovranno riuscire a guadagnarsi il posto sul campo nei gironi di qualificazione che prenderanno il via a settembre, ma viste le avversarie non dovrebbero esserci troppi problemi: il Ghana affronterà Togo, Guinea ed Uganda, mentre l’Algeria giocherà contro Mali, Etiopia e Malawi.

La sensazione è che, se Ghana ed Algeria riusciranno a qualificarsi, almeno Acquah e Mesbah dovrebbero partire per partecipare alla competizione. Nell’ipotetico caso che sia Algeria che Ghana arrivino fino in finale, sarebbero quattro le partite nelle quali il Parma dovrà fare a meno di loro: Parma-Sampdoria, ultima del girone d’andata, Parma-Cesena, Milan-Parma e Parma-Chievo. E proprio in questi ventidue giorni ci sarà forse la possibilità per giocatori come Mauri, Galloppa o Ristovski di mettersi in luce, nel caso che non avessero trovato eccessivo spazio in precedenza.

Niente di grave, comunque. La Coppa d’Africa si sovrappone al nostro campionato praticamente da sempre, ed è una cosa che “disturba” un po’ tutte le squadre della Serie A. Sembra oggettivamente difficile che tutti e cinque i crociati partano per la competizione in questione (anche se per certi versi sembra difficile che tutti e cinque, a fine mercato, facciano ancora parte della rosa crociata), e Donadoni in quel periodo dovrà essere bravo a ruotare bene gli uomini che ha a disposizione, come del resto ha sempre fatto anche in situazioni d’emergenza.