Galgo, stagione finita… o forse no

schelottorisortoTrauma distorsivo con interessamento dei legamenti della caviglia destra. Questo il responso della risonanza magnetica effettuata da Ezequiel Schelotto in seguito all’infortunio subito durante Parma-Inter. Il titolo era praticamente già fatto: “Schelotto, stagione finita. Anche noi questa mattina (e facciamo mea culpa) abbiamo optato per la versione “tragica” della notizia, spinti anche dagli articoli apparsi su diversi giornali nazionali. Ci piacerebbe sapere dove ha tenuto le mani Schelotto durante tutta la giornata odierna…

Stagione finita… o forse no” abbiamo titolato invece questa volta. Perchè, pur non avendo dati certi (sarebbe utile, ad esempio, sapere se la lesione è di grado 0, 1, 2 o 3) ci siamo dedicati a scartabellare tutta una serie di pagine dedicate a questo tipo di lesioni. Il primo punto importante da sottolineare è che si tratta di trauma, e non di rottura. Se Schelotto si fosse rotto i legamenti le previsioni sarebbero decisamente più pessimistiche. Non sapendo l’entità del trauma, diventa quindi difficile prevedere i tempi di recupero, ma in un paio di settimane il giocatore potrebbe addirittura tornare arruolabile. Filtra quindi ottimismo circa le sue condizioni: contro il Cagliari non ci sarà, e su questo non ci piove, ma non sorprendetevi nel caso lo vediate tra i convocati già per la partita contro il Torino…