EX – INCREDIBILE: PELLE’ AL BARCELLONA?

Sapete tutti quanto ci piaccia seguire le vicissitudini legate all’attaccante dal petto di ferro e dalla pettinatura impeccabile, alias Graziano Pellè. Dopo un’altra stagione da protagonista al Feyenoord, nonostante la spinta da parte di qualche media, la convocazione per il Mondiale in Brasile è un lontanissimo miraggio. Per Graziano, però, starebbe per arrivare una clamorosa consolazione: il Barcellona sarebbe sulle sue tracce per la prossima stagione.

pellebarcellonaA rivelarlo è Sport.es, portale di notizie legate al Barcellona e allo sport in generale. Secondo un articolo di Dídac Peyret, infatti, la squadra blaugrana starebbe pensando ad un rinforzo per il reparto offensivo. L’identikit dell’oggetto del desiderio è definito: “Si cerca un attaccante centrale di livello medio, capace di adattarsi ad un ruolo da comprimario. Un ariete capace di essere un rimedio per cambiare la dinamica della squadra durante una partita, ma anche un calciatore che fornisca garanzie in caso che venga scelto un undici diverso, con un attaccante centrale“.

Secondo il portale spagnolo l’attaccante che il Barça starebbe cercando sarebbe proprio il Grazianone dai belli capelli: “Tra i nomi che corrispondono al profilo, il Barça ha delle relazioni molto positive per quanto riguarda Graziano Pellè (Feyenoord). L’attaccante è esploso la stagione scorsa nel campionato olandese con 27 gol, convertendosi nell’attaccante italiano che ha segnato più reti in un campionato straniero durante una stagione. Pellè ha superato così alcuni compatrioti come Vieri e Luca Toni, ambedue con 24 reti rispettivamente nell’Atletico e nel Bayern. L’ariete del Feyenoord spicca per essere un gran colpitore di testa (è alto 1,93 metri), ed il suo gioco ricorda sotto qualche aspetto quello di Luca Toni“.

Tralasciando il fatto che il collega di Sport.es ha dimenticato la dote principale di Pellè nella sua analisi, staremo a vedere gli sviluppi di questo affaire di mercato. Già da ora, però, non possiamo fare a meno di chiudere gli occhi ed immaginare un lancio di Neymar, sponda di petto di Grazianone e gol al volo di Messi… Roba da spettinarsi i capelli.

L’Editorialista