EUROPEI UNDER-17 – Per gli azzurri di capitan Cerri è solo secondo posto.

La nazionale di capitan Alberto Cerri e allenata da mister Daniele Zoratto non riesce a centrare la vittoria nell’europeo under-17. In finale, contro la Russia, decidono i calci di rigore.

Nell’arco degli 80 minuti regolamentari decisamente meglio azzurri, attivi soprattutto sulle fasce per l’ottimo lavoro svolto da Vido, Tutino, Dimarco e Calabria, i quattro azzurrini che hanno giocato meglio questo pomeriggio. Il crociato Cerri non ha brillato, ma era palese che i russi lo temevano talmente tanto che spesso si è assistito a ben tre giocatori su di lui. Alberto ha cercato di usare il fisico e, pur non essendo molto pericoloso, ha cercato di svolgere un lavoro a favore dei compagni di squadra. La Russia non ha proposto quasi nulla, se non un paio di occasioni potenziali a causa di errori della retroguardia italiana e una punizione, finita sul palo, calciata da Buranov (peraltro su un fallo al limite dell’area difesa da Scuffet inventato dall’arbitro). Durante i calci di rigori decisivi tre errori azzurri: Di Molfetta, Sciacca e Palazzi hanno calciato con poca sicurezza consentendo al portiere russo parate piuttosto agevoli. A nulla sono servite le due belle parate di Scuffet e alla fine Makarov ha messo nel sacco il pallone decisivo per le sorti del mondiale under-17. Davvero un peccato, perché ai punti l’Italia si è dimostrata decisamente più in forma dei pari età russi. La redazione di Parmafanzine si unisce lo stesso in un applauso a capitan Cerri, tutti gli altri ragazzi e mister Zoratto.