C&C – “ENERGY T.I. GROUP HA CHIESTO UN’AZIONE DI RESPONSABILITA'”

Mentre sul fronte legato ai bonifici e agli stipendi arretrati promessi da Manenti tutto ancora tace, a battere un colpo è stata l’Energy T.I. Group, che possiede il 10% del Parma Fc. Come ha rivelato Michele Angella, conduttore di Calcio&Calcio, l’azienda ha infatti richiesto un’azione di responsabilità verso gli amministratori del Parma che si sono succeduti negli ultimi mesi, appellandosi all’ art. 2409 del Codice Civile.

energy tiEnergy T.I. Group si è quindi appellato ad un articolo che, testualmente, prevede la possibilità di presentare una denuncia se vi è fondato sospetto che gli amministratori, in violazione dei loro doveri, abbiano compiuto gravi irregolarità nella gestione che possono arrecare danno alla società o a una o più società controllate”.

Ora sarà il tribunale che dovrà sentire in camera di consiglio gli amministratori ed i sindaci, per decidere poi se agire o meno. Nei casi più gravi vi è la possibilità di revocare amministratori e sindaci, e nominare un amministratore giudiziario. In attesa di capire cosa potrà succedere e se ci sarà un seguito, si è aperto dunque un altro capitolo legato agli ultimi, tormentati mesi dal punto di vista societario.