“DONNE CHE DONANO LA VITA” – IL PARMA CALCIO FEMMINILE AL FIANCO DI ADAS FIDAS PER L’8 MARZO

(Comunicato stampa) – Festeggiare l’8 marzo in modo diverso, perchè questa ricorrenza abbia il sapore dell’altruismo e del dono: è la proposta di Adas Fidas Parma, che ha invitato le sue 1007 donatrici a passare dal Centro Trasfusionale per donare il proprio sangue nella giornata della Festa della donna. L’Associazione Donatori Aziendali di Sangue non è sola in questa iniziativa, sono al suo fianco due realtà al femminile: le calciatrici del Parma Calcio 1913 e l’Associazione Centro Antiviolenza. L’evento è inoltre patrocinato dal Comune di Parma con la presenza della Vice Sindaco Nicoletta Paci.

“Donne che donano la vita” è un modo per rilanciare un grande messaggio che arrivi al cuore delle persone, facendo capire quanto sia importante donare sangue, un gesto anonimo e gratuito capace di salvare la vita ai tanti che necessitano di una trasfusione. Solo ADAS, che fra Parma e provincia conta 32 gruppi associati con oltre 2.500 donatori attivi, registra ogni anno più di 3mila donazioni. Numeri importanti che si auspicano in continua crescita, perchè di sangue c’è sempre bisogno.

L’appuntamento per le donatrici è quindi martedì 8 marzo dalle 7:30 alle 9:30 presso il Centro Trasfusionale dell’Ospedale Maggiore per festeggiare insieme le tante donne presenti che vorranno venire a donare. Per contattare l’associazione o prenotare una donazione, si può chiamare lo 0521.703034/703877 da lunedì a venerdì, dalle 8 alle 12, oppure scrivere a adasaopr@ao.pr.it.

ECCO GLI INTERVENTI SALIENTI DELLA CONFERENZA STAMPA:

Ines Saletti Presidente Adas Provinciale: “Volevamo un modo non banale di festeggiare la festa della donna, abbiamo pensato di coinvolgere le 1000 donatrici di sangue dei nostri gruppi. In occasione della festa, alle 8:30 del mattino, premieremo una donna che farà la centesima donazione, ed è un traguardo importante perchè non è facile per una donna donare con continuità. Abbiamo pensato di coinvolgere il Parma Femminile, sono rimasta colpita dal loro entusiasmo. Molte di loro faranno la visita d’idoneità, mentre altre verranno a donare il sangue. Abbiamo coinvolto anche il Centro Anti-Violenza. La nostra collaborazione con il Parma proseguirà, e la società crociata ci ospiterà per promuovere la donazione del sangue tra i tifosi del Parma”.

Cristina Romanini, Calciatrice-Dirigente del Parma Calcio 1913 Femminile: “Noi andremo in dieci ragazze martedì mattina. Qualcuna di noi già dona il sangue, io sono arrivata a quota 30, abbiamo partecipato con molto entusiasmo e ci sembra di rappresentare bene la città di Parma con un evento importante. L’8 marzo è la nostra giornata, ma noi siamo donne 365 giorni all’anno”

donne-che-donanoSamuela Frigeri, Presidente Centro AntiViolenza: “Ringrazio Ines per averci coinvolto, cerchiamo sempre di pensare all’8 marzo cercando di non banalizzare questa giornata. Questo è un modo diverso per ricordare il ruolo delle donne nella nostra società. È un modo diverso per ricordarci l’essere donne nella vita di tutti i giorni”.

Fausto Pizzi, Responsabile Squadra Femminile Parma Calcio 1913: “Per noi è un onore come Parma Calcio 1913 essere qui in questa promozione di un evento importantissimo. Da quest’anno abbiamo una squadra femminile, e ci è sembrato naturale essere presenti oggi e l’8 marzo. Siamo ben lieti di accogliere iniziative come queste”.

Alessandro Formentini, Primario del Centro Trasfusionale dell’Ospedale di Parma: “È un’occasione per ringraziare l’Associazione di Donatori che continua a venire a dare questo supporto importante per qualsiasi situazione in cui è necessaria una trasfusione. Il fatto di avere la squadra femminile del Parma mi fa ricordare quando venne la squadra di Scala anni fa, c’è sempre stata queste complicità stretta tra gli sportivi e la donazione di sangue. Per noi è un onore, e speriamo che tante altre donne si avvicinino alla donazione di sangue, perchè è una necessità sempre presente. Riesco a ringraziare anche la prodigiosa attività che le associazioni hanno fatto l’anno scorso, l’azione dei volontari ha consentito nel 2015 di rispondere alle necessità di Parma e provincia, dando un contributo a tutto il paese. Non bisogna però abbassare la guardia. Il fatto di avere un numero di donatori numeroso è importantissimo”.

Nicoletta Paci, ViceSindaco di Parma: “Il Comune ha voluto dare il patrocinio a quest’iniziativa che mi sembra molto bella e mettono in risalto quello che le donne fanno, come in questo caso, dove c’è una difficoltà nel mantenere una regolarità nelle donazioni, ed è ancor più di valore questo traguardo di questa donatrice dell’Adas. Sarò presente con piacere durante la premiazione, e partiranno una serie di attività cercando di celebrare al meglio l’8 marzo e la festa della donna.