DONADONI: “COSA PORTO IN VALIGIA A TORINO? SPAZZOLINO DA DENTI ED IL LAVORO FATTO IN SETTIMANA”

La vittoria di sabato contro l’Inter ha risollevato il morale della ciurma di Donadoni, che vorrebbe confermare quanto di buono si è visto nell’ultima gara. Davanti ai crociati, però, ci sarà la corazzata Juventus, in una gara che per molti è proibitiva.

juventus-evidenzaEcco le parole del tecnico crociato nella consueta conferenza stampa della vigilia:

“L’entusiasmo è una componente importante. Vincere contro l’Inter è stato sicuramente positivo, anche se in termini di risultati abbiamo fatto ancora molto poco, e dobbiamo essere coscienti di questo. L’avversario è ostico, ma dobbiamo andare con la convinzione di fare la nostra prestazione. La Juventus non ha solo quegli undici giocatori che hanno giocato in Coppa, ma ha giocatori di assoluto valore anche fuori, e la loro stanchezza quindi non sarà un vantaggio. Il vantaggio dovremmo crearcelo noi con una prestazione che ci vedrà dare il 110%. Dal punto di vista tattico ci sono solo ipotesi, la certezza ce l’avremo domani. Noi abbiamo le nostre caratteristiche che ci permettono di essere duttili e modificare il nostro assetto tattico, in funzione dei giocatori disponibili”

Galloppa è tornato ad allenarsi, anche se non è al 100% per una contusione subita 15 giorni fa e che lo ha condizionato molto. Belfodil non ha avuto niente di particolare, quindi è disponibile. Abbiamo fatto dei passi avanti con Palladino, che è a disposizione, con Pozzi che è tornato ad allenarsi di più, e gli altri che stanno continuando a crescere. Incrocio le dita e spero di averli a disposizione a breve. Uno scampolo di partita contro la Juve? Per Pozzi bisogna andare ancora un po’ cauti, mentre Palladino è a disposizione, non ha i 90′ nelle gambe ma potrà rendersi utile. Pozzi ha una grande voglia di rientrare, anche se la sua condizione è ancora precaria. La doppietta di De Ceglie? E’ importante che ci siano altri giocatori che abbiano voglia di fare gol, perchè questo ti da la gioia e la voglia di fare una corsa, un sacrificio in più“.

donadoni4L’entusiasmo c’è stato prima della gara con l’Inter, non ora, perchè se no non avremmo fatto una gara come quella di sabato. Il modo di affrontare la gara con l’Inter è stato determinante. Se siamo pronti? Dobbiamo essere pronti. Dipende da noi, più riusciamo ad estraniarci da ciò che accade sugli spalti, meglio è. Costa? Ha fatto molto bene contro l’Inter, come aveva fatto bene contro il Torino. E’ rientrato dopo un infortunio, e nelle ultime due gare si è reso protagonista di due buoni prestazioni. Cosa porto nella valigia a Torino? Lo spazzolino da denti… – sorride – Il lavoro che abbiamo fatto in settimana, questo è quello che conta. E’ la convinzione di aver lavorato al meglio che ti crea i presupposti per rendere la vita difficile ad una squadra come la Juventus“.