DONADONI: “SE LODI MIGLIORA DIVENTA IMPRESCINDIBILE. GLI INFORTUNI? NON PIANGIAMOCI ADDOSSO”

A poche minuti dall’ultima rifinitura, che gli permetterà di fare le consuete valutazioni della vigilia, Roberto Donadoni ha parlato nella Sala Stampa del Centro Direzionale di Collecchio con i giornalisti, a 24 ore dal posticipo delle 19 contro l’Udinese al Friuli.

donadoni2Ecco le sue parole:

I MOLTI INFORTUNI: E’ un momento cosi, non dobbiamo stare a piangerci addosso. A volte ci sono infortuni legati davvero a fatalità, quindi bisogna fare per forza tutti un po’ di più. Le qualità di una squadra non si vedono solo nei periodi di entusiasmo ma anche e soprattutto nei momenti di sofferenza. Vedi proprio l’Udinese nell’ultima partita, quando ha tenuto botta nei frangenti di difficoltà e  ha portato a casa il risultato. Hanno l’entusiasmo che può fare la differenza? Diciamo bravi a loro – riporta il sito ufficiale – e noi dobbiamo esserlo altrettanto visto che per il gioco che esprimiamo potremmo portare a casa un po di più.  L’Udinese è una squadra che concede poco con giocatori che hanno gamba, dovremo essere attenti e determinati”. 

POSSIBILE LA CONFERMA DI MAURI? – Ha fatto bene e va detto che il centrocampo e’ un reparto che ha giocatori con caratteristiche diverse, che mi consente comunque delle scelte”

coda-chievo-mixedPERCHE’ CODA NON HA GIOCATO CONTRO LA ROMA? – Solo una scelta in funzione di quel che vedo in campo e dell’avversario. Non c’e’ nulla di diverso da questo”.

CI SONO DIFFICOLTA’ PER GLI ATTACCANTI CROCIATI CHE DEVONO ANCHE DIFENDERE?“Sono solo situazioni che a volte vanno gestite meglio, sia a livello individuale che collettivo. Non sono preoccupato da questo, semmai vorrei che fossero sfruttati meglio i momenti in cui la palla l’abbiamo noi. Ovvero smarcarsi meglio e saper valorizzare meglio le caratteristiche di ognuno. Molto sta nella fase di preparazione per poi far scattare i giusti meccanismi”

MENDES TERZINO PER DARE MAGGIORE COPERTURA? –  Pedro è più giocatore preposto alla fase difensiva che di costruzione è vero. Ma mi piacerebbe che quando gli capita l’occasione di avanzare, crescesse un po’ da questo punto di vista. Come magari altri, che giocano piu avanti, crescessero nel fare interdizione”.

galloppa-1LA CRESCITA DI GALLOPPA?Daniele è un ragazzo che ha sempre lavorato molto ed è curioso di capire quale può essere ancora il suo livello di efficienza. Gli ultimi spezzoni giocati gli hanno dato più tranquillità a livello psicologico. Ma il suo deve essere un processo lento anche se lo vedo in continua crescita”

LE DIFFICOLTA’ DI LODI: E’ sicuramente uno che ha nelle sue corde una grande qualità. Deve riuscire a migliorare quell’aspetto caratteriale che lo fa diventare importante in fase d’interdizione. Una peculiarità che ha sempre avuto perché e’ portato a fare altro. Se riesce a limare questo aspetto diventa per noi un giocatore imprescindibile“.