DONADONI: “COSA MI ASPETTO DALLA SOCIETA’? VORREI VEDERE I FATTI”

Al termine di Milan-Parma, ai microfoni di Radio Rai, Roberto Donadoni non se la sente di rimproverare nulla alla sua squadra. Con Paletta e Pozzi in panchina, e sicuri partenti, e con Mendes, Felipe e Lucas non convocati per le stesse ragioni, diventa difficile ragionare sui motivi di questa sconfitta.

milan-evidenzaEcco le parole di Roberto Donadoni:

Non posso rimproverare nulla ai ragazzi perchè ce la stanno mettendo tutta. Tra infortuni e cessioni – riporta ParmaLive.com –  la situazione è davvero difficile, ma tutti remano nella stessa direzione. Stasera purtroppo, complice il calo fisico, abbiamo regalato qualcosa in fase offensiva e difensiva, ma non posso dir nulla nei loro confronti. Lucarelli che a 38 anni gioca una partita del genere è un esempio dell’attaccamento alla maglia. Dovevamo osare di più nel primo tempo? Sì, dovevamo sfruttare meglio le opportunità perchè con le grandi è sempre cosi; se non sfrutti le occasioni che ti capitano poi vai a pagare alla prima ingenuità che commetti. Ed è quello che è successo stasera”.

“Se è difficile allenare il Parma in questo momento? Non serve parlare di questo, noi viviamo alla giornata cercando di fare il meglio. Anche l’anno scorso era così, purtroppo quest’anno gira tutto al contrario. Cosa mi aspetto dalla società? Non è importante cosa mi aspetto. Vorrei vedere i fatti”