DONADONI: “CON IL NAPOLI GARA IMPORTANTE, C’È LA VOGLIA DI DARE QUALCOSA IN PIU’ DEL SOLITO”

Alla vigilia di Parma-Napoli, Roberto Donadoni ha incontrato la stampa a Collecchio nella consueta conferenza stampa che fa da antipasto all’ultima rifinitura dei crociati.

Ecco le sue parole:

“Il possibile sciopero? Non ho mai sentito accennare nulla a riguardo. Non posso quindi dire nulla… Quella di domani è una partita importante, affronteremo un avversario che lotta per traguardi prestigiosi, sta andando avanti in Europa League, e sono contento che la squadra possa essere stimolata da partite come queste, donadoni-conferenza-nuovo-sitoanche per cercare di dare un’altra dimostrazione a noi stessi, mettendoci anima e corpo. I valori non saranno non proprio alla pari, sulla carta, ma che proprio per questo c’è il desiderio di dare quel qualcosa in più del solito. Le ultime due partite non sono state affrontate con lo stesso spirito di altre, però sono state due gare che ci hanno visto subito andare in difficoltà per alcuni episodi. Con il Cagliari abbiamo preso gol dopo pochi minuti, con la Lazio eravamo partiti bene e poi abbiamo subito un gol che ci ha un po’ sorpreso. L’atteggiamento nostro però non è stato quello che avevamo messo in campo prima, e questo probabilmente ha delle motivazioni, ma dobbiamo essere bravi a toglierci di dosso le solite problematiche“.

Il saluto di Belfodil? Credo che quello che ha fatto sia da elogiare assolutamente, perchè ha dato una grande mano alla società, dandogli un’ulteriore piccola speranza di sopravvivere. In questo senso credo che Ishak abbia fatto una scelta che torna anche a suo vantaggio, ma che aiuta molto la società. Ora ho un’alternativa in meno in attacco? Dovremo fare con quello che abbiamo, ma siamo talmente abituati in questa annata a dover sopperire a cose come queste… Sarà importante definire una cifra certa del debito sportivo, perchè finchè non ci sarà una cifra sicura credo che sia difficile che un nuovo acquirente possa arrivare senza conoscere quanto dovrà sborsare. Nel momento in cui ci sarà un interesse concreto il passaggio successivo sarà quello di capire anche i contratti futuri”.

Quanto è difficile preparare le partite in queste condizioni? E’ innegabile, siamo in balia della fatalità, e i risultati sono veramente un po’ la conseguenza. Riesci a sbloccare il risultato e viene fuori una partita di un certo tipo; subisci un gol e ti casca il mondo addosso. A parte Belfodil ho tutti a disposizione. Galloppa non è ancora al 100%, ma grossomodo non ci sono problemi. C’è Bajza che è fermo al palo per un problema di tendinite al tendine rotuleo, ma faremo in modo di essere all’altezza della situazione contro un avversario difficile, condotto da un allenatore che stimo moltissimo”.