DONADONI: “BELLO TORNARE A PARMA, CITTA’ ALLA QUALE IN FUTURO NON POTREI DIRE DI NO…”

Tra i vari premiati durante la quarantesima edizione del premio Sport e Civiltà, manifestazione organizzata dalla sezione parmigiana dell’Unione Veterani dello Sport, c’è anche Roberto Donadoni. Proprio con l’ex allenatore del Parma abbiamo scambiato due battute prima dell’evento.

Ecco le sue parole:

È chiaro che quando si viene premiati fa sempre piacere. In più sono di nuovo qui a Parma, città alla quale sono legato per tanti bei ricordi e tante belle situazioni, al donadoni-san-secondo-1di là di come poi è finita dal punto di vista calcistico la mia esperienza qui, ma sono sicuramente più le cose positive che io ricordo di questa città, quindi sono veramente molto felice ed orgoglioso di questo. Mi capita di seguire il Parma, magari vedere le partite è complicato, ma i risultati dei crociati sono sempre sotto osservazione. Direi che ha avuto un momento di difficoltà, poi si è ripresa molto bene, al di là dell’ultima partita che è andata com’è andata, ma è lì e se la può giocare tranquillamente. Credo che abbia una squadra indubbiamente attrezzata per fare un ottimo campionato, quindi confido che riesca a fare un ulteriore passo in avanti perchè sarebbe una cosa bella per tutti”.

Sul palco ha poi continuato a parlare della società crociata e della sua avventura in terra ducale:

È chiaro che quando si pensa al fallimento viene un po’ di amarezza. Questo però viene ripagata da un’esperienza vissuta in questa città con tanta gente, tanti ragazzi e tifosi che si sono dannati l’anima per rimanere nella categoria che meritava. Tutti i premi che ho ricevuto sono da condividere con loro. Se tornerei? Come potrei dire di no? Dove sono vissuto bene non potrei dire no, qui ho avuto anche la mia bimba…”