DESERTA ANCHE LA TERZA ASTA – DAL 22 MAGGIO INIZIA FASE CALDA

Niente da fare, per la terza volta: anche oggi nessuna busta è stata consegnata al notaio Giulio Almansi, come del resto era successo nelle prime due aste fissate dal Tribunale di Parma.

Ecco il comunicato dei curatori fallimentari:

“I curatori fallimentari del Parma FC S.p.A., dott. Angelo Anedda e dott. Alberto Guiotto, comunicano che alle ore 12.00 di oggi 18 maggio 2015 nessuna offerta vincolante per l’acquisto è stata consegnata al notaio Giulio Almansi, designato dal Giudice Delegato dott. Pietro Rogato a sovrintendere alle operazioni di vendita competitiva dell’azienda sportiva del Parma FC. Il nuovo termine per il deposito di offerte è fissato per il 22 maggio p.v.. Secondo le modalità indicate dal Disciplinare di Gara appositamente predisposto, il prezzo base per la terza procedura sarà ribassato del 25% rispetto a quello di euro 11,25 milioni previsto per la terza asta”

Nessuna sorpresa, quindi, anche se ora inizia quella che può essere considerata la fase calda. Restano infatti due aste fallimentari: in entrambe la base d’asta è di gran buste-ficheslunga inferiore a quella di partenza. Se il 6 maggio, infatti, le offerte sarebbero dovute partire da 20 milioni, il 22 maggio di milioni ne basteranno 8,43, ed il 28 maggio 6,32. Proprio questa esigua differenza di prezzo (anche se si parla di due milioni…) può essere la molla che potrebbe spingere eventuali acquirenti ad anticipare eventuali concorrenti, consegnando la propria busta già venerdì. Il tempo intanto scorre, e la resa dei conti è vicina…