DALLA LEGA 5 MILIONI PER FINIRE IL CAMPIONATO, ORA LA PALLA IN MANO AI GIOCATORI

E’ arrivata la proposta della Lega: poco meno di 5 milioni per permettere al Parma di concludere il campionato in corso e di conseguenza salvare formalmente la regolarità dell’attuale Serie A italiana a 20 squadre. La soluzione disposta dalla Lega scatterebbe dopo l’udienza fallimentare del 19 marzo anche se questa decisione ha fatto nascere qualche malumore come, pare, nel caso del presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis. Ci sono però delle condizioni necessarie per attuare questo piano: il Parma deve fallire (e qui rimangono in gioco le eterne promesse di far arrivare liquidità fresca dell’attuale presidente del Parma Fc Giampietro Manenti) e il curatore fallimentare deve dare il via libera all’esercizio provvisorio, atto necessario per mantenere il titolo sportivo. In questo caso la Lega potrà così erogare questi 5 milioni di euro che garantirebbero la copertura delle spese per giocare le rimanenti partite del campionato. Dettaglio non da poco è il fatto che la Lega ha studiato un procedimento ad hoc per il Parma, ovvero quello di reperire i soldi utilizzando il fondo multe nel quale vengono depositati i proventi delle ammende che il giudice sportivo commina alle società calcistiche. La cosa che dovrebbe far riflettere è che, di norma, questi denari servono per finanziare importanti eventi per giovani e giovanissimi come la Junior Tim Cup.

Tavecchio è ora atteso a Parma per parlare con il sindaco della città Federico Pizzarotti e con i calciatori crociati. Tavecchio porterà la proposta della Lega e i 5 milioni per il post-fallimento, ora la palla passa in mano a capitan Lucarelli e compagni.