QUI COLLECCHIO – CASSANO PAURA E SOLLIEVO, ANCORA OUT PALETTA, CASSANI E BIABIANY

marigatestlodiDopo la seduta di scarico di lunedì ed il giorno di riposo, i crociati sono tornati in campo quest’oggi sia al mattino che al pomeriggio in vista della gara di domenica contro il Chievo. Alla seduta pomeridiana, iniziata alle ore 15, hanno preso parte tutti i giocatori della rosa a disposizione di Donadoni, fatta eccezione per Paletta, Cassani, Biabiany e Lucas Souza. Proseguono dunque i problemi fisici che hanno costretti i due difensori a dare forfait contro il Milan. Sulle condizioni del francese, invece, dopo alcune indiscrezioni apparse sulla stampa nazionale si attendono lumi dalla società. E’ probabile che sarà lo stesso Leonardi a chiarire il tutto domani durante la conferenza stampa di presentazione di Mariga. Lucas, infine, ha svolto un lavoro di potenziamento in palestra.

La squadra ha iniziato con una serie di esercizi di possesso palla, divisi in tre gruppi, per poi proseguire provando alcune situazioni di gioco. Lodi ha svolto alcuni esercizi assieme al preparatore Andreini, mentre McDonald Mariga ha lavorato per qualche decina di minuti con Niccolò Prandelli, utilizzando il metabolimetro che permette di carpire alcuni dati legati alla resistenza e alla forma fisica. Anche Bidaoui ha svolto alcuni esercizi in solitario, sempre con il figlio dell’ex Ct della Nazionale.

cassanoinfortunioAttimi di paura invece per Cassano, proprio qualche istante prima della partitella finale: FantAntonio ha infatti sentito tirare la schiena, e si è accasciato in area di rigore. I medici sono subito accorsi per valutarne le condizioni, e per fortuna non dovrebbe essere nulla di grave. Il barese si è infatti accomodato ai bordi del campo prima di sottoporsi alle cure del massaggiatore, incitando i compagni (soprattutto Rispoli che agiva su quella fascia), godendo di un semplice riposo precauzionale.

allenamentoLa partitella ha dato alcune interessanti indicazioni tattiche. Donadoni ha infatti disposto due squadre con due moduli diversi: 4-3-3 per i “blu (Cordaz, Gobbi, Lucarelli, Mendes, Ristovski, Lodi, Jorquera, Mariga, Palladino, Coda e Belfodil) e 3-5-2 per gli “arancioni (Iacobucci, Costa, Santacroce, Felipe, Rispoli, Acquah, Mauri, Galloppa, De Ceglie, Ghezzal e Pozzi), segno inequivocabile che il Parma, nonostante si disponga abitualmente con il 4-3-3, ha nelle sue corde entrambi i moduli.

Infine un aneddoto curioso: un tifoso all’ingresso della squadra in campo ha chiesto a voce alta ad ogni giocatore se “quel pallone” non andasse “mandato in corner invece di servire Mirante, ed è facile intuire che si riferisse al retro passaggio di Ristovski contro il Milan. Visto che i giocatori non hanno risposto lo facciamo noi: sì, andava buttato in corner.

L’Editorialista