CHIEVO-PARMA 2-0 – IL CHIEVO HA LA MEGLIO SU UN PARMA ANCORA TROPPO PESANTE

Prima battuta d’arresto stagionale, com’era preventivabile, per i crociati contro il ChievoVerona, squadra di Serie A che non ha fatto altro che sfruttare due errori dei ragazzi di Apolloni per fissare il punteggio sul 2-0. Lucarelli e compagni, apparsi ancora indietro di condizione soprattutto dal centrocampo in su, non hanno quasi chievoevidenzaaamai creato pericoli agli avversari, e sono stati puniti nel primo tempo da Meggiorini, che ha semplicemente messo la schiena su un rinvio impacciato di Coric con il pallone che si è infilato in rete, e nel secondo tempo da Inglese, che ha raccolto un servizio sbagliato di Simonetti nell’area crociata ed ha infilato Fall.

Come nelle altre uscite stagionali Apolloni ha confermato il 3-5-2. Nel primo tempo tra i pali si è sistemato Coric, con il trio difensivo guidato da Capitan Lucarelli affiancato da Coly e Benassi. Garufo e Ricci i due cursori di fascia, con in mezzo Miglietta, Giorgino e Corapi. Davanti le due punte Evacuo e Nocciolini. Nel secondo tempo invece è Fall a sistemarsi tra i pali della porta crociata, con Giorgino arretrato al centro della difesa affiancato da Benassi e Garufo. Mazzocchi e Ricci i due esterni, con in mezzo Baraye, Simonetti e Crescenzi dietro alle due punte Guazzo (che in realtà è entrato al 30′ del primo tempo al posto di Evacuo) e Melandri.

La sensazione generale è che il caldo abbia sicuramente aiutato poco, ma che le gambe al cospetto di una squadra di Serie A come il Chievo fossero decisamente appesantite. Evacuo, come nelle amichevoli “trentine”, è parso davvero indietro rispetto ad esempio di Guazzo, sicuramente più pimpante del compagno. La manovra chievo-squadreoffensiva non è quasi mai esistita, e alla voce “occasioni da gol” si conta solo un tiro di Corapi su punizione terminato centrale tra le braccia di Seculin. Nemmeno il Chievo dal canto suo ha creato più di tanto, limitandosi a controllare il Parma e provare ogni tanto qualche azione offensiva. Contro le squadre di Serie A, però, è inevitabile che ogni errore grossolano venga punito, e così è stato. Una sconfitta che può far bene, anche perchè di certo non ci si attendeva un risultato molto diverso. A preoccupare forse sono le condizioni fisiche dei crociati in vista della sfida di Coppa Italia contro il Piacenza, in programma domenica al Tardini. Quel giorno, in ogni caso, sarà calcio vero con una posta in palio da conquistare per iniziare con il piede giusto la stagione.