CACIOLI: “QUANDO NON SI PUO’ VINCERE MEGLIO NON PERDERE: PRENDIAMOCI QUESTO PUNTO” – VIDEO

Un Parma che non ha vinto, ma che almeno non ha perso. È questa l’analisi dell’esperto difensore crociato Luca Cacioli, che lo scorso anno con il Rimini a Mezzolara aveva perso per 3-1 e conosceva bene le insidie di questa squadra.

Ecco il video e la trascrizione delle parole di Luca Cacioli al termine di Mezzolara-Parma 0-0.

“Come valuto questo 0-0? Quando non si vince meglio non perdere… È comunque un punto fuori casa, credo che nel primo tempo qualcosa abbiamo rischiato anche noi, ma nel secondo tempo una nostra vittoria ci poteva stare, abbiamo avuto quattro o cinque occasioni importanti, ma tutto sommato prendiamoci questo punto e vediamo il bicchiere mezzo pieno. Nel primo tempo abbiamo cercato di giocare palla a terra, c’è stata qualche disattenzione e qualche passaggio sbagliato per colpa dei quali abbiamo rischiato di prendere gol. Loro giocavano sui nostri errori, in un campo stretto come questo un loro attaccante marcava tre difensori nostri. Nel mezzolara-evidenzasecondo tempo abbiamo giocato più sulle seconde palle, non abbiamo rischiato niente. Se ci siamo innervositi troppo? Nervosi no, avevamo voglia di vincere, ma credo che sia giusto così. Grande nervosismo in campo non ne ho visto, in parte era dovuto alla voglia di vincere, e loro quando usciva la palla ci mettevano dieci minuti a battere, ma è una cosa normale ed è giusto così. Un risultato che risponde a chi pensava che il campionato fosse già finito? Ne ero convinto prima e ne sono convinto ora: ho fatto per tanti anni questo campionato, e vincere è difficile, ed oggi è la dimostrazione. Il Mezzolara è una squadra che si deve salvare, ben messa in campo, fisicamente tosta, e sarà difficile per tutti prendere punti in un campo così. Noi abbiamo avuto un’occasione importante all’ultimo, è andata male, ma quando non si può vincere è meglio non perdere: un punto fuori casa va bene. Dobbiamo stare sereni, 38 partite sono tante, non si poteva vincerle tutte. Io e gli altri siamo sereni, consapevoli che fosse difficile. Apolloni ha cambiato l’attacco durante la gara? Hanno fatto un gran lavoro, io mi rendo conto che in partite come queste è difficile: palloni alti, sporchi, di spalle alla porta… Nel secondo tempo con i lanci lunghi abbiamo creato qualche pericolo, so che è brutto da vedere, ma a volte bisogna giocare anche così”.