ASTE E CENTRO SPORTIVO DI COLLECCHIO: SI ATTENDONO NOVITA’ NEI PROSSIMI GIORNI

Manca poco, ormai, affinchè inizi la “gara” per aggiudicarsi il Centro Sportivo di Collecchio. Il Parma Calcio 1913, come da accordi con i curatori fallimentari, ha avuto la possibilità di utilizzare la struttura fino al 30 giugno 2017, con l’obbligo di farsi carico della conservazione e della manutenzione dello stesso. Sembra però che siano ormai maturi i tempi per quella allenamento-collecchioche dovrebbe essere un’asta fallimentare per aggiudicarsi la proprietà del Centro in cui tutti i giorni si allenano le squadre crociate. Come funzionerà? Difficile saperlo ora, ma da ciò che trapela siamo ormai vicini al momento in cui verranno ufficializzate le modalità, le cifre e le date. È probabile che vi sarà una situazione simile a quella vista per l’asta fallimentare del Parma Fc, ovvero quando si partì da una cifra che poi si riduceva di volta in volta quando le aste terminavano con un nulla di fatto. In ogni caso restano supposizioni: tra pochi giorni si scoprirà come avverrà tutto il meccanismo. Il Parma Calcio 1913, ovviamente, è spettatore interessatissimo: non solo perchè non ha mai nascosto che il Centro Sportivo di Collecchio è e deve essere uno dei pilastri di questa ripartenza, ma anche perchè, alla firma del contratto di utilizzo, alla società crociata è stato concesso un diritto di prelazione a parità di condizioni fino al termine dell’accordo (30 giugno 2017). Proprio per questo motivo non c’è da aspettarsi che la questione venga risolta in tempi brevi, ed è anzi più probabile (se non certo) che prima che si arrivi ad un esito possano passare diversi mesi. Sarà dunque un percorso lungo, che inizierà, a quanto pare, tra pochi giorni.