APOLLONI: “STIAMO QUASI PER TOCCARE IL TRAGUARDO, MA NON DOBBIAMO FARCELO SFUGGIRE”

Al termine della rifinitura e poco prima della partenza per la Romagna, Gigi Apolloni si è seduto in sala stampa a Collecchio per la consueta conferenza stampa della vigilia.

Ecco le sue parole:

Il nostro obbiettivo è quello di cercare di incrementare il più possibile. Abbiamo un’opportunità e cercheremo di sfruttarla. L’atteggiamento dev’essere quello giusto, di una squadra che vuole portare avanti il suo percorso, e domani potremo fare un passo importante. L’ambiente? Quando vinci hai morale, fiducia ed entusiasmo. Quando vinci però sei chiamato ad un ulteriore prova, abbiamo fatto bene, la squadra è stata brava ed ha portato avanti i valori della squadra, ma domani siamo chiamati a riconfermarci. Il rombo? L’idea è quella di portare apolloni1avanti quest’idea di gioco, anche se poi ho una squadra che ha le capacità di mettersi in modo diverso, e questo ci permette di non dare punti di riferimento agli avversari. Sappiamo che la gara è una gara non semplice, è una buona squadra che contro le grandi che si esalta come tutte le squadre. Cercheranno di mordere e noi dovremo fare altrettanto. Questa squadra dovrà avere la capacità di cambiare in corsa, gli esterni sono importanti perchè ti danno ampiezza attraverso il movimento e gli inserimenti. Vedendo gli allenamento ho una difficoltà enorme, quella di mettere in panchina o in tribuna alcuni giocatori. Questo mi rammarica, ma allo stesso tempo so che si sono allenati bene ed hanno dato il massimo durante la settimana. Noi rispettiamo le squadre avversarie, che stanno facendo un discorso importante, ma il Parma è il Parma, il nostro obbiettivo dev’essere quello, avendo l’atteggiamento che abbiamo avuto domenica o in altre partite. Non sempre il risultato ha rispecchiato quello che la squadra ha fatto, ma l’importante è l’atteggiamento, sono convinto che con l’atteggiamento arriva anche il risultato. Se lavori i frutti li raccogli. I ragazzi stanno bene, l’unica cosa da valutare sono le condizioni di qualcuno, ma è facile anche che venga riproposta la formazione della scorsa settimana. Sarei sciocco a non riproporre una squadra che sta trovando degli equilibri, ma lascio aperte le porte a tutti, perchè a volte ho anche cambiato all’ultimo momento. Lauria e Melandri hanno la mia più apolloni-pre-sanmarinogrande stima, si sono sempre fatti trovare pronti. Lauria oltre all’infortunio ha anche fatto un ruolo non suo, ed ha fatto molto bene. Ci sono anche gli altri, da Musetti a Guazzo, a Mazzocchi, a Sereni, a Simonetti, e a tutti gli altri. Quando vedo qualcosa che non mi quadra posso cambiare completamente modulo o giocatori. Ricci ha una qualità, si sa adattare ai vari ruoli ed è un bagaglio importante per lui, più conoscenza ha e più può essere preso in considerazione. Negli sviluppi del gioco da interno di centrocampo a volte si allargava sull’esterno. Una vittoria per chiudere il campionato? Noi siamo in corsa, e stiamo quasi per toccare il traguardo, ma ancora non ce l’abbiamo in mano. Non dobbiamo però lasciarcelo sfuggire“.