APOLLONI: “SOLO NOI POSSIAMO BUTTARE VIA QUESTO CAMPIONATO” – VIDEO

Al termine della gara, dopo le parole di Longobardi e Mazzocchi, è arrivato il turno di Gigi Apolloni che ha analizzata la partita contro il Legnago, terminata 2-0 per i crociati che hanno raccolto così la 23esima vittoria in campionato.

Ecco il video e la trascrizione delle parole del tecnico crociato:

Giorgino? Ieri durante l’allenamento ha risentito un fastidio muscolare ed ho preferito durante l’ultimo esercizio non rischiarlo. Diceva che sentiva il quadricipite non a posto, e non l’ho voluto rischiare anche perchè devo cercare di preservare quelli che hanno qualche fastidio. Non ho voluto rischiare nemmeno Cacioli, perchè contro il San Marino purtroppo Lucarelli molto probabilmente verrà squalificato e dunque perdere in un colpo solo due giocatori così sarebbe troppo. Benassi merita i miei complimenti, si è sempre disimpegnato bene ma oggi ha fatto un’altra grande partita. Devo fargli i complimenti perchè non è facile entrare o subentrare e mantenere sempre le prestazioni ad alto livello. La prima parte non mi è piaciuta, mi sono arrabbiato con i ragazzi perchè non abbiamo interpretato bene la gara. Loro hanno giocato con un modulo diverso rispetto alle partite che avevo visto in precedenza, cercavano di coprire gli spazi e poi di ripartire in contropiede. La nostra difficoltà è che abbiamo cercato di palleggiare ed il campo non era ottimale. Abbiamo cercato di giocare come legnago-evidenteloro, attaccandoli alti. Pur non giocando benissimo abbiamo avuto qualche occasione nelle quali potevamo fare gol, invece nel secondo tempo abbiamo fatto molto meglio. Abbiamo gestito meglio la gara, abbiamo attaccato, facendo quello che nel primo tempo non facevamo. Se è tornato il cinismo? Vedendo le occasioni che abbiamo avuto si, e ci vuole quella cattiveria sotto porta. Mi sono arrabbiato un paio di volte con Longobardi e con Sereni perchè dovevano andare più decisi. Voglio che loro colgano al massimo quest’occasione, poi possono sbagliare ma voglio che facciano le cose che vedo anche in allenamento. Il giro palla del primo tempo era molto lento? In effetti non siamo riusciti a capire, e mi sono arrabbiato, che alcune giocate non ci venivano permesse, e dovevamo interpretarla in maniera diversa, nel senso che se non si riusciva a giocare la palla dovevamo essere bravi noi a fare quello che facevano loro, ovvero palla lunga e attaccarli alti. Poi chiaramente i ritmi sono calati nella seconda parte ed è venuto fuori il nostro palleggio e le nostre qualità. Dobbiamo essere bravi a capire che a volte dobbiamo essere meno belli ma più efficaci. Non prendiamo un gol da tante gare? Devo fare complimenti alla squadra e a tutti quelli che fanno parte del Parma, perchè durante la settimana le mie difficoltà vengono proprio dal fatto che si allenano sempre al massimo. Io chiedo questo, e poi può capitare ad esempio che un giocatore come Sereni vada in tribuna, la settimana scorsa, ed oggi scenda in campo dal primo minuto. Ero in difficoltà perchè Sereni è un periodo che si sta allenando benissimo, quindi questo significa che tutti sono sul pezzo, non mollano perchè solo noi possiamo buttare via questo campionato. Il campionato è finito? Solo noi possiamo buttarlo via. Io non sono bravo in matematica, ma so che finchè non arriva la matematica promozione dobbiamo stare sul pezzo. Devo fare i complimenti ai ragazzi perchè questo è quello che devono fare sempre, anche perchè è un’opportunità di crescita importante per ognuno di loro. Adesso il campionato dipende da noi, gli altri non hanno nulla da perdere, ma se noi abbiamo quest’atteggiamento non ci può sfuggire, ma ripeto: non dobbiamo perdere quest’atteggiamento. Anche nel rincorrere, non solo nel correre. Come ho visto fare a Baraye, ad esempio, o a Musetti. Questa è una prerogativa molto importante perchè non fa prendere coraggio alle squadre avversarie”.