APOLLONI: “I RAGAZZI HANNO DIMOSTRATO DI AVERE GLI ATTRIBUTI: È UNA VITTORIA D’ORGOGLIO” – VIDEO

Dall’inferno al paradiso, o meglio: dal tramonto all’alba. La faccia di Gigi Apolloni, dopo una gara come quella di oggi, è stravolta come quella dei giocatori crociati, capaci di ribaltare il risultato dopo essere stati sotto per 2-0. Al termine della gara il tecnico crociato ha così commentato l’incontro.

Ecco il video e la trascrizione delle parole del tecnico:

Dall’inferno al paradiso? Descrive un po’ quello che era lo stato d’animo prima, durante e dopo. Penso che sia stata una vittoria meritata, voluta da parte della squadra e dei giocatori, voluta dallo staff e dalla società, voluta anche dai tifosi che sono stati straordinari nel sostenerci comunque. Questa è la vittoria di Parma e del Parma. Il cambio di modulo? Mi sono confrontato con lo staff, avevo già pensato di cambiare anche sull’1-0, il secondo gol non ha fatto altro che accelerare il cambio. Ma c’è stata una grande reazione da parte di ragazzi, sono davvero orgoglioso di allenarli. Non si volevano fermare, hanno buttato il cuore dall’altra parte evidenzadell’ostacolo. Alla fine erano stremati ma felici per il risultato e per la prestazione, perchè abbiamo dimostrato di avere dei forti attributi. La voglia di vincere anche dopo il pareggio? La squadra fin qui in tutte le partite voleva vincere, anche martedì scorso contro il Venezia. Questa è la dimostrazione che la squadra sta crescendo, anche sotto l’aspetto atletico. Stavamo bene, abbiamo fatto una grossa fatica, ma la forza di volontà è stata superiore a quelle che sono state le aspettative. Sul 2-2 magari puoi pensare al pari, ma la squadra ha sempre continuato a voler vincere. La dimostrazione è stata quella del Capitano, che mi ha detto chiaramente: “Ora andiamo a vincerla”. È stato straordinario anche Ale, è stata una spinta importante per tutta la squadra. Il gol a freddo dopo 50”? È la fotocopia di quello che è successo martedì, per certi versi. In quel momento ho pensato solo che dovevamo continuare a giocare, perchè ci sta di andar sotto, ma non ci stava di guardarsi indietro. La squadra ha creato, ha preso un palo, non siamo riusciti a capitalizzare nella prima parte, però c’era negli occhi la volontà di tirare fuori quest’orgoglio. I ragazzi sono stati straordinari perchè hanno dimostrato di avere gli attributi. Sotto 1-0 non hanno mollato, erano lì tutti dal primo all’ultimo, anche quelli che erano in panchina. Sono orgoglioso di aver visto nei loro occhi la voglia di capovolgere la situazione. Siamo ancora in miglioramento, possiamo ancora crescere. Anche oggi abbiamo fatto vedere a sprazzi il nostro gioco, dobbiamo cercare la continuità. Il cinismo che magari è mancato in altre gare c’è stato oggi. Nocciolini è un ragazzo straordinario, con dei valori importanti come tutta la squadra. Ha lottato su ogni pallone, è stato premiato perchè quello che è stato non conta più niente, e lui è stato bravo perchè ha fatto gol, ne ha fatto un altro, ha continuato a giocare e con la forza di volontà ha continuato a fare il terzo. Il Presidente del Pordenone ha detto che il Parma ha messo in campo una fisicità straordinaria? Questo significa che il nostro preparatore sta lavorando alla grande. Casellato e Giordani stanno facendo un lavoro straordinario. È chiaro che sapevamo che le gambe non sarebbero state brillantissime. Adesso ancora non siamo brillantissimi, ma stiamo iniziando a carburare. Volevo comunque dedicare la vittoria ad una persona che è scomparsa nei giorni scorsi, che è Gianfranco Bellè. La dedichiamo come squadra, come staff, come società. È stato un esempio, un giornalista critico, anche duro, ma sempre leale. La vittoria la dedichiamo a lui”.