APOLLONI: “NON POSSO RIMPROVERARE NULLA ALLA SQUADRA. UNA PARTITA CHE CI SERVIRA’ DA LEZIONE” – VIDEO

Il suo Parma ha disputata un primo tempo rivedibile, per poi migliorare nel secondo tempo. La vittoria però non è arrivata, anche se Gigi Apolloni, al nostro microfono, si dice soddisfatto dell’impegno.

Ecco il video e la trascrizione delle parole del tecnico crociato dopo Mezzolara-Parma 0-0:

Nel primo tempo il Mezzolara ha cercato attraverso le ripartenze, i raddoppi di marcatura, e la chiusura degli spazi di metterci in difficoltà, e noi non siamo stati abili a manovrare velocemente, per capitalizzare anche attraverso degli spunti personali. Nel secondo tempo la squadra ha interpretato bene la gara, adeguandosi a questa realtà, facendo molto meglio anche se il rammarico è che quelle occasioni che abbiamo avuto non le abbiamo capitalizzate, un po’ per frenesia e un po’ per merito anche del Mezzolara. Sono soddisfatto dell’impegno e della capacità della squadra di leggere, nel secondo tempo, questa gara. Ce ne saranno altre così, e dovremo essere veloci già dall’inizio nell’interpretarla. Un Parma poco paziente oggi? Forse meno lucido, abbiamo cercato di giocarla, ma la difficoltà grossa è stata quella di quest’erba alta, che permetteva a loro di prendere il tempo alla nostra manovra ed attaccarla, perchè la palla non scorreva come avremmo voluto. Questa però non dev’essere una scusante, deve servirci da lezione perchè troveremo altre realtà del genere. La squadra dev’essere capace fin dall’inizio di interpretare la partita fin dall’inizio. Baraye e mezzolara-evidenzaLongobardi hanno fatto un grandissimo lavoro ed una buona gara, ho inserito Guazzo e Lauria per mettere in campo forze fresche, e Fabio è anche bravo su punizione, quindi speravo in qualche occasione dal limite. Ha creato, si è dato da fare, ma non posso rimproverare nulla alla squadra che ha lottato, ed anzi alla fine ho visto anche una certa insoddisfazione ed amarezza, che mi fa piacere da una parte, ma dall’altra l’importante è essere bravi ad interpretare ogni gara perchè ogni partita fa storia a sè. Troveremo squadre che si chiuderanno, che giocheranno sui nostri errori e sulle ripartenze. Il cambio Miglietta-Corapi? Crocefisso per esperienza e capacità mi dà sicuramente tanto. Inserisco lui perchè chiaramente Giorgino mi dà maggiori equilibri sotto l’aspetto della quantità, e anche una discreta qualità, ed è quello che interpreta meglio le varie situazioni. Miglietta mi dà una conoscenza migliore del gioco che dovevamo fare, ed infatti non ha sfigurato, anzi. Lui sta trovando la condizione, è arrivato che non stava benissimo, ora la sta trovando piano piano dopo che ha avuto anche un problema fisico, quindi io conto su di lui, come conto su Corapi, su Giorgino, su Simonetti, e su tutti gli altri. Stiamo lavorando bene e non dobbiamo perdere la lucidità, visto che comunque oggi non è andata come volevamo. Non siamo riusciti a vincere, ma il lavoro che stiamo facendo durante la settimana mi spinge a non avere nulla da rimproverare a questa squadra, anzi, sono molto contento e felice di allenarli. Ora la Coppa Italia mi permetterà di vedere anche quei ragazzi e quei giovani che hanno giocato meno, permettendo anche ad altri di trovare la condizione. Sicuramente ci sarà un turnover importante, anche perchè ho la possibilità di farlo, perchè ho una squadra con qualità e capacità“.