APOLLONI: “I RAGAZZI SANNO CHE POSSONO FARE DI PIÙ E MEGLIO” – VIDEO

Quarta vittoria consecutiva per il Parma di Gigi Apolloni. Il tecnico crociato al termine dell’incontro ha analizzato il match in sala stampa rispondendo alle domande dei giornalisti.

Ecco il video e la trascrizione delle parole del tecnico:

Un Parma in crescita costante? Chiaramente preferirei che giocasse anche bene, perchè comunque alcune giocate vengono, altre no. Oggi il gol loro l’abbiamo praticamente fatto noi con un rimpallo, gol che poi ci hanno restituito perchè il pareggio è arrivato casualmente. Però dobbiamo essere meno frenetici nelle giocate, ci lasciamo condizionare dall’avversario che ci pressa, però in alcuni momenti la squadra ha dato l’idea di essere presente, al di là di alcuni errori sugli appoggi o sulle uscite. Dobbiamo limare queste situazioni cercando di sfruttare al meglio le qualità dei singoli. Giorgino ha preso le misure al centrocampo? Lui ha delle qualità straordinarie per gli equilibri che dà in questo momento. Ha meno abilità nelle giocate, perchè è più propenso ad avere caratteristiche di interdizione, però anche lì c’è un po’ di frenesia e voglia da parte della squadra di cercare subito anche le giocate importanti. Oggi abbiamo regalato troppi palloni facili agli avversari, e dobbiamo gubbio-evidenzaessere più precisi nelle uscite. Abbiamo affrontato una squadra che aveva dei ritmi notevoli, poi quando sono calati anche il Parma ne ha approfittato. Probabilmente siamo una squadra che carbura in ritardo, o in alcuni momenti quando gioca dà l’impressione di essere padrona di alcune situazioni ma poi manca delle giocate decisive. Però ho visto anche delle cose positive anche da alcuni elementi che sono entrati nel modo giusto, questo mi apre delle possibilità importanti per inserire alcuni giocatori che non sono nel dimenticatoio, anzi, cerco di fare delle valutazioni globali sugli uomini che ho a disposizione per poi schierare la formazione migliore. Nocciolini ha fatto tantissimo sia in attacco che in difesa? È un generoso, e a volte questa sua generosità va anche oltre, nel senso che va a discapito della lucidità che in alcuni momenti può servire. Secondo me ha fatto una grandissima partita, come tutti gli altri. Si è sacrificato molto per la squadra, ha sbagliato, ha recuperato, questo è l’atteggiamento giusto. Una vittoria che scaccia la sindrome da Tardini? Io non avevo sollevato questa “sindrome”, io ho detto che la squadra probabilmente vuole ricambiare l’affetto della Curva, e non riesce a manifestarlo attraverso il gioco. Questa frenesia è dettata probabilmente dall’affetto e dalla partecipazione di chi ama il Parma, che viene percepito in campo. Il primo posto provvisorio come risposta alle critiche? Io non devo dire niente a nessuno, rispondo alla società. Noi andiamo avanti per la nostra strada, poi ovviamente le critiche ci saranno perchè venivo criticato lo scorso anno quando avevo perso solo una partita, figuriamoci adesso… Questo fa parte del mio ruolo, ma io penso che i ragazzi hanno la consapevolezza di poter fare di più e meglio, e stiamo lavorando per questo. Sono felice del loro impegno, meno felice perchè vorrei qualcosa di diverso che esaltasse le loro qualità. Canini? Io lo giudico positivamente, gli errori ci sono stati come anche da parte di altri. Non ha fatto la preparazione quindi non è forse al top, però lo ritengo un giocatore importante, fondamentale”.