APOLLONI: “SENZA L’ATTEGGIAMENTO GIUSTO È TUTTO DIFFICILE, SERVE LA TESTA GIUSTA. MERCATO? PER ORA RESTIAMO COSI'”

Una nuova vigilia per un “nuovo” campionato, quello rappresentato da un girone di ritorno che inizierà domani contro il primo avversario, l’ArzignanoChiampo, che già all’andata aveva messo in forte difficoltà i crociati di Gigi Apolloni, che oggi ha tenuto la prima conferenza stampa del 2016, se escludiamo le sue parole al Tardini al termine di Parma-TuttoCuoio.

Ecco le sue parole:

Il Capitano ha detto che dobbiamo riazzerare tutto? Lucarelli ha ragione, ora voltiamo pagina, questo campionato è un libro, abbiamo fatto la prima parte ora dobbiamo fare bene nella seconda che è importante, perchè ci permette di arrivare in fondo. Abbiamo vissuto un girone d’andata bello, a volte complicato ma sicuramente entusiasmante. Ora dobbiamo continuare, perchè contro di noi tutti vorranno mettersi in mostra, e quella di domani è una squadra di questo tipo, perchè ricordo che all’andata ci ha creato diversi problemi, anche se c’era un campo non adatto per giocare a calcio. Loro verranno con il loro entusiasmo, anche con giocatori che hanno discrete qualità, e noi dovremo essere bravi a non permettere arzi-laurialoro di prendere coraggio e di fargli fare le giocate che vogliono loro. È tutto difficile, ora, se non abbiamo l’atteggiamento giusto, che è quello che ci proietta ad essere concentrati e mantenere la distanza. Non è semplice, la partita con il TuttoCuoio è stata una risposta importante, ma adesso dobbiamo dare continuità, perchè l’amichevole è stata una gara di una certa importanza, ma abbiamo visto che il campionato di Serie D è un’altra cosa, ci sono giocatori con meno qualità ma hanno più quantità, più vigore atletico, più forza fisica, più entusiasmo nel correre per non far evidenziare i loro limiti tecnici. Come sta la squadra? Bene, Guazzo è in via di guarigione, si sta allenando bene, Benassi anche, Mousa Balla sta aspettando la radiografia di controllo, come l’altro controllo importante sarà quello di Longobardi per vedere come sta procedendo il suo recupero, l’unico è Traykov, che seppur non ha avuto un problema grosso, ha riscontrato un’infiammazione nella zona dove già aveva avuto un problema, ma la considerazione è che si stanno allenando per tornare presto in campo. La punta di domani? Adesso sono in fase di riflessione, per alcune caratteristiche può giocare bene davanti Melandri, per altre Baraye che ha anche le caratteristiche e le qualità per giocare lì davanti. Ma possono giocare anche entrambi assieme, questa è la considerazione che poi farò per la gara di domani. Corapi, Giorgino e Miglietta? Possono giocare tutti e tre perchè sono giocatori di una certa esperienza, tatticamente sono bravi e riescono a coesistere assieme per la loro qualità. Possono anche formare un centrocampo a tre, è un potenziale importante per la nostra categoria. Quindi ci sarà un Under davanti? Può essere, come può essere che ci sarà Simonetti, che è un ragazzo che sta facendo benissimo, e che da me ha la massima considerazione. Faccio anche delle valutazioni sulle caratteristiche della squadra avversaria. Corapi è un giocatore che può adattarsi a vari ruoli, non ha problemi di inserimento nel modulo che poi nel caso posso cambiare. Se manca una punta a questa squadra? Ho giocatori che si sanno adattare benissimo come Melandri e Baraye. Per ora non abbiam parlato, abbiamo fatto arzi-apolloniun’analisi generale e sullo specifico non siamo ancora andati. Come ho detto altre volte siamo vigili, visto che il mercato di D è chiuso ma è aperto quello dei professionisti, c’è la possibilità di vedere e fare delle valutazioni importanti. Per ora stiamo così, guardiamo le risposte di queste gare, altrimenti si potrebbe creare un ingolfamento con l’inserimento di altri, visto che i giocatori ci sono. Per ora noi restiamo vigili, valutiamo il recupero dei nostri giocatori, poi nel caso faremo le dovute valutazioni. L’ArzignanoChiampo? È una squadra che avrà entusiasmo e l’emozione di giocare in uno stadio importante, contro una squadra storica. Hanno degli elementi importanti, avranno un centravanti forte fisicamente come Trinchieri che ha fatto 10 gol, hanno degli esterni bravi di gamba, e di qualità, ed una mezza punta che sa giocare a calcio e sa leggere situazioni importanti. Nelle azioni che abbiamo visto abbiamo capito che dovremmo avere la capacità e la lettura di fermarli su alcune loro giocate che tendono a fare. Un giocatore avversario che mi ha particolarmente sorpreso? Turchetta, del Forlì, è un giocatore che ha qualità, estro e fantasia per una squadra importante come il Forlì. Pera è comunque un giocatore che fa parte della D come un elemento importantissimo, un fiore all’occhiello per il Rovigo e per il campionato. Miftah del Lentigione, ci sono giocatori importanti come Trinchieri, che sta facendo bene. Ci sono diversi elementi interessanti, ma essendo venuto meno la C2, è chiaro che la D è diventata un po’ una Serie C”.