APOLLONI ALLA VIGILIA: “SI È FERMATO MUSETTI PER UN PROBLEMA FISICO, QUASI QUASI METTO LONGOBARDI…”

Alla vigilia della gara contro il Villafranca Veronese, Gigi Apolloni ha incontrato la stampa per la consueta conferenza prepartita. Il tecnico crociato ha fatto il punto della situazione tra gli infortunati, anche dell’ultim’ora, e dei problemi di tesseramento.

Ecco le parole del mister, raccolte dai nostri microfoni:

“La squadra arriva bene, abbiamo lavorato bene, sono soddisfatto. Chiaramente a parte il discorso degli infortunati e degli squalificati, io punto su quelli che ci saranno domani. C’è stata una novità, si è bloccato Musetti, valutiamo la sua condizione, e se non ci dovesse essere lui ci sarà qualcun’altro. Ho qualche dubbio ma apollonipotrebbe esserci Longobardi, potrebbe essere pronto, ha una voglia matta di giocare, è motivatissimo, anche se uso il condizionale perchè faccio l’analisi della settimana la sera prima della gara, ho quasi deciso. Miglietta non è ancora arruolabile, ha fatto un’ecografia, non è nulla di grave ma va valutato bene. Per la prossima gara ci sarà, ma per questa non è da considerare attivo. Quella di domani, con il corteo e la partita casalinga sarà un emozione che dovremo canalizzare nel modo giusto. Cercheremo di sfruttare al massimo l’energia che ci darà la gente, il tifoso, la città”.

L’avversario? Non è la gara di domenica scorsa che può darti troppe indicazioni. Da quello che ho visto e mi hanno relazionato è una squadra con alcuni limiti, dettati anche da problemi di mancanza di uomini. Sarà un’altra gara, cercheranno in tutti i modi di riscattarsi. Io rispetto questa squadra ma chiedo ai ragazzi di giocare con personalità e con l’idea di rispettare l’avversario. Le tre partite in otto giorni una possibile svolta? Siamo solo all’inizio, ho chiesto anche alla società di sistemare quei giocatori che per il momento non posso utilizzare. Ma io penso solo alla gara di domani, non mi interessa al momento la gara successiva. Saranno dei test importanti, potremo vedere la forza della nostra squadra. Affronteremo squadre anche importanti ed attrezzate come l’Altovicentino. Chi affronta il Parma lo affronta con l’idea di mettere in difficoltà la storia per entrare nella storia. Dovremo essere molto bravi, molto compatti anche tra i reparti. Le partite saranno tutte difficili, le squadre giocheranno come ha fatto l’ArzignanoChiampo, raddoppiando e triplicando le marcature e correndo molto”.