APOLLONI: “BRAVI A NON PERDERE LUCIDITA’, L’ESPULSIONE MI LASCIA UN PO’ L’AMARO IN BOCCA” – VIDEO

Ennesima vittoria per la sua squadra, e Gigi Apolloni non può che ritenersi soddisfatto di un Parma che è riuscito a portare a casa una partita insidiosa. Qualche preoccupazione invece è rivolta al futuro, con Saporetti che è uscito per infortunio e l’espulsione di Musetti che di fatto lascia il tecnico crociato senza punte ancora una volta.

Ecco il video e la trascrizione delle parole del tecnico crociato al termine della gara:

Abbiamo avuto delle difficoltà ma era anche comprensibile, gli avversari erano preparati ed aggredivano sempre le nostre fonti di gioco, ovvero Miglietta e Giorgino, specialmente nella prima parte. Ma al di là di questo abbiamo creato delle opportunità, non le abbiamo sfruttate, magari su qualche pallone sporco non siamo stati incisivi. Nel secondo tempo abbiamo giocato, abbiamo pressato un po’ di più, poi c’è stata la bella punizione di Ciccio, e da lì poi si sono aperti gli spazi, ed Yves ha inventato un altro gol. L’AltoVicentino non molla? È giusto così, noi facciamo il nostro percorso sapendo che gli altri non mollano sicuramente. L’AltoVicentino, il Forlì, e le altre squadre sulla carta più insidiose non molleranno. Nel primo tempo apolloni-ferrari-carranon siamo stati puliti nel cercare il tiro in porta, però ci siamo arrivati e questo già è importante. Nella seconda parte la squadra ha espresso meglio il suo gioco, poi c’è stata quell’espulsione che mi lascia un po’ l’amaro in bocca. A gennaio ancora senza punte? Facciamo di necessità virtù. Io da lontano non ho visto, ma credo che l’espulsione sia abbastanza esagerata. Lui ha preso uno schiaffo, poi ha dato una spinta ma non credo così grave da prendere un espulsione. Cosa ci siamo detti? Niente, ne parleremo sicuramente, chiederò cos’è successo. Saporetti? È dolorante al ginocchio, all’inizio si temeva che si fosse girato. Sembra invece una botta, speriamo che sia questo è basta. Ero abbastanza preoccupato, poi vedremo gli esiti degli esami che farà nei prossimi giorni. Il campo non ha aiutato? Affronteremo anche campi di questo genere, non troveremo sempre il Tardini… Dobbiamo abituarci velocemente anche ad essere bravi in campo così, magari dovremo allenarci in campi meno adatti o meno belli di quelli di Collecchio. Abbiamo letto in modo importante la partita, voglio sempre lucidità in campo perchè la partita si può sbloccare all’inizio ma anche su calcio di punizione com’è successo oggi, perchè le qualità ci sono e le capacità ci sono. La squadra è stata brava a non perdere lucidità. Nessuno ha un ruolo fisso davanti? Questo è un modo per variare davanti, dando l’opportunità ai miei giocatori di sfruttare le loro qualità, e così non dando punti di riferimento agli avversari. Ci tengo inoltre a dedicare la vittoria a mia moglie, che oggi compie gli anni.”.