APOLLONI: “QUALE SARA’ LA GARA DECISIVA? LA PROSSIMA. NEL CALCIO NON C’È NULLA DI SCONTATO” – VIDEO

Al termine dell’allenamento di rifinitura Gigi Apolloni si è seduto in sala stampa per la consueta conferenza stampa della vigilia.

Ecco le sue parole:

Ogni partita è un’occasione, sappiamo che ogni gara è diversa e va affrontata con il giusto atteggiamento e con la giusta testa. Poi delle altre mi frega poco… Mi interessa di più il nostro atteggiamento nello sviluppare, essere propositiva e giocare come sa fare. La squadra ha recuperato bene, abbiamo fatto degli allenamenti specifici per permettere chi ha fatto i apolloni-conferenza90′ di recuperare. Qualcosa cambierò, anche per dare opportunità a qualcuno di recuperare, magari perchè l’ho visto un po’ più stanco. Se ho cercato i lati migliorabili della gara contro l’ArziChiampo per mantenere alta l’attenzione? È così, anche perchè il risultato è stato positivo, ma le giocate sono state alcune positive ed altre no. Quando abbiamo perso l’attenzione, o la collaborazione tra i reparti si è notato. Non possiamo permettercelo, abbiamo i mezzi per dare continuità e sarebbe un peccato non farlo. Il Villafranca? Hanno cambiato modo di giocare, hanno un modulo diverso rispetto all’andata. Sono stati inseriti elementi importanti, di qualità, di quantità ed esperienza. Dobbiamo affrontare la gara con la particolarità di non dare nulla di scontato. Quando giocano contro il Parma, lo dico sempre, giocano tutti per metterci in difficoltà e per mettersi in evidenza. Le nostre motivazioni devono essere le stesse, e se lo saranno la nostra qualità emergerà”.

Sul mercato eravamo vigili, ora sarà un “vigile proiettato”… Abbiamo guardato alcune cose, sia con Minotti che con Galassi abbiamo fatto le nostre valutazioni. Ma io penso alla gara di domani, da lunedì penseremo anche a questo. Abbiamo guardato alcune alternative, ma in questo momento siamo fermi. Domani giocheremo, poi dopodomani penseremo al resto. Sicuramente abbiamo anche delle alternative con la Juniores, ci sono elementi interessanti e stiamo valutando anche questo. Non pensiamo solo ad eventuali acquisti, guardiamo anche in casa nostra. Miglietta è un giocatore per noi è importante, ha la qualità giusta, dà un apporto non solo a livello tattico ma anche di conoscenza. Lui o Lucarelli, che è il più rappresentativo, fino a Cacioli e agli altri, hanno in mente un obiettivo e si sono calati in questa realtà. All’inizio ha avuto un problema, era difficili cambiare gli equilibri, poi ha avuto un’opportunità e ha fatto bene. Le sue qualità non si discutono”.

La partita decisiva? Questa. Ogni partita va affrontata come se fosse quella decisiva. Non si dà per scontato nulla, nel calcio la sorpresa è sempre dietro l’angolo. Noi dobbiamo costruire questa fortezza attraverso questo mattone. Domani è importante per mettere un mattone in più. Il Delta Rovigo si sta rafforzando? Non voglio essere banale, ma noi siamo apolloni-arzignanolì davanti, e sono gli altri che si devono preoccupare. Noi dobbiamo dare continuità, poi è chiaro che le avversarie si rafforzeranno, però il nostro pensiero è quello di essere mentalizzati su quello che si sta facendo, cercando di non farsi distrarre da altre situazioni. Le nostre energie, mentali e fisiche, devono essere proiettate di volta in volta nella gara futura. Mulas? C’è anche quest’opportunità, che possa far parte della gara. È un giocatore che sta rientrando di un infortunio, ha le qualità, è chiaro che il fatto di essere stato messo in campo anche solo per venti minuti è un modo per dargli confidenza con il campo. L’AltoVicentino ci aiuta a tenere la pressione alta? È giusto così, loro fanno il loro percorso, noi dobbiamo fare il nostro senza distrarci. La preoccupazione mia è quella di dare sempre e comunque la giusta concentrazione su quello che devono fare in campo, e basta. Come squadra, e non come singolo. Nyantakyi è tornato, è arrivato che non aveva condizione fisica. Devo vederlo perchè non l’ho ancora visto, è un giocatore che vorrò vedere, se Cristiano Lucarelli l’aveva portato con sè è perchè ha le qualità”.

A chi è utilizzato meno dico che non dev’essere un anno perso. Devono impegnarsi, rafforzare il carattere e far vedere che non vogliono mollare e vogliono mettersi in evidenza. Adorni? È partito benissimo, ha avuto un momento in cui ha avuto delle difficoltà, ed è anche fisiologico perchè è un ragazzo che viene dagli allievi. Può essere che ci sia spazio per lui, è un ragazzo importante come lo sono tutti, lo tengo molto in considerazione perchè è un bravissimo ragazzo ed un bravissimo giocatore. I giovani stanno migliorando, giorno dopo giorno. I ragazzi stanno facendo bene”.