Amauri in conferenza stampa a Collecchio: “Domenica dobbiamo vincere, per forza. E se qualcuno si sente salvo con 39 punti deve stare fuori”.

Amauri ha parlato oggi in conferenza stampa davanti ai giornalisti presenti, affrontando la sua situazione personale e analizzando le difficoltà che la squadra sta vivendo nell’ultimo periodo.
Ecco le sue parole:

Il mio rapporto con la tifoseria? E’ da un po’ che sapete che c’è questo feeling e questo rapporto, è un segno che sto facendo qualcosa di bello. Ritengo che anche nei momenti di difficoltà è importante dare un segnale (riferendosi a quando è andato sotto la curva dopo la sconfitta con l’Udinese. Ndr).”

“Ho sentito tante voci sul fatto che il gruppo non sia unito, e che questa sarebbe la causa di questa mancanza di vittorie. Questo non è vero: è un gruppo solido, sia la squadra, sia il mister che la società, tutti sappiamo che dobbiamo uscire fuori da questo momento. Come dice il mister, dopo 7 giorni c’è sempre un’altra occasione, nel bene o nel male. Siamo uniti, siamo un gruppo che deve crescere sotto certi aspetti, come del resto succede a tutte le altre squadre. Dobbiamo stare tranquilli e sereni, e riusciremo ad uscirne. Abbiamo altre 5 partite da fare, e cercheremo di sfruttarle al massimo, anche perchè le capacità ce le abbiamo.”

Il mio segreto? Il lavoro. Non mi accontento mai di quello che faccio, sia quando faccio bene che quando faccio male. Ho passato un periodo particolare, nel quale comunque ho pensato solo a lavorare e a non accontentarmi. Il giorno in cui mi accontenterò smetterò di giocare, ma fino a quando avrò questa voglia e questa mentalità io farò di tutto per giocare e per migliorare.”

Schermata 2013-04-25 alle 16.25.34Un problema psicologico per la squadra? Io parlo poco ma quando lo faccio cerco di dire davvero quello che penso. Con l’Udinese è stata una domenica davvero sbagliata. In tanti anni non era mai capitata una giornata così. Con l’Inter invece abbiamo giocato alla pari e siamo usciti sconfitti da una partita in cui avremmo dovuto arrabbiarci se avessimo portato a casa anche solo un pareggio. Abbiamo fatto comunque una buona gara. Se domenica con la Lazio giocheremo con quello spirito lì, dando un qualcosa in più tutti assieme, sicuramente verrà fuori qualcosa di importante. Con il sostegno di tutti, fino alla fine, abbiamo dimostrato di poter uscire da momenti di difficoltà, come ad esempio con il Torino. Non dobbiamo mai abbatterci, e lottare fino alla fine.

Io ho un contratto con il Parma fino al 2015, ed io me ne andrò in vacanza e poi tornerò con la stessa voglia di migliorare, il prossimo anno voglio fare ancora meglio.”

“Il Mister ha detto che dobbiamo essere più squadra? Se lo ha detto vuol dire che ha visto un qualcosa del genere, e questa settimana ci dirà in cosa dovremo migliorare. Quello a cui si riferisce il mister comunque è un aspetto tecnico, lui è intelligente e sa dove “punzecchiarci”. Domenica speriamo di vincere anche per lui, che se lo merita visto che tra l’altro sta vivendo un periodo particolare.”

“Questo spogliatoio io lo conosco benissimo. Se c’è qualcuno che pensa di essere già salvo, sa che sta fuori. Fino all’ultima partita bisogna lottare e non accettiamo che nessuno sgarri. Abbiamo 5 partite e sono 15 punti, e questa dev’essere la meta per la squadra e per il gruppo. Ripeto, lo sanno tutti nello spogliatoio: e qualcuno crede di essere salvo con 39 punti deve starsene fuori. Abbiamo passato periodi peggiori e sempre ne siamo usciti. Abbiamo una possibilità domenica, giochiamo in casa, e se il pubblico ci sosterrà fino al 95′ vedrai che domenica usciremo con i 3 punti. La Lazio è una grandissima squadra, non stanno vivendo un momento brillantissimo, e noi davanti al nostro pubblico dobbiamo fare bene, e dobbiamo avere più fame di loro. Questa domenica dobbiamo vincere, per forza.”