Alberto Cerri: “Per che squadra tifo? Il Parma, non ho squadre preferite se non quella della mia città.”

Alberto Cerri è stato intervistato, quest’oggi, da SkySport24. Il bomber crociato, che ha appena compiuto 17 anni, ha parlato del suo futuro, e del suo esordio in serie A.
Ecco le sue parole:


L’esordio in serie A è stato inaspettato e meraviglioso, non ho parole per descriverlo. Amauri al momento del cambio mi ha fatto l’occhiolino e mi ha detto: Vai nella mischia!

“Non mi ispiro a nessuno in particolare, anche se assomiglio a Toni e Cristiano Lucarelli. Se ho un esultanza preparata in caso di gol? No, ancora no, ci lavoreremo. Mi fa piacere quando mi dicono che sono un ragazzo con la testa a posto. Devo però migliorare dal punto di vista della cattiveria. Se posso imparare di più da Amauri o da Belfodil? Io credo che da entrambi, sono giocatori completamente diversi. Ishak può fare anche a punta esterna, mentre Amauri è un attaccante più centrale. Dal brasiliano posso imparare gli attacchi all’interno dell’area ed il colpo di testa. Ishak invece è fortissimo tecnicamente.”

Lucarelli è un grande motivatore, ha iniziato da poco come allenatore e gli hanno dato subito una Ferrari, è stato molto bravo. Anche in nazionale siamo un grande gruppo. Per che squadra tifo? Io sono un tifoso del Parma, non ho squadre preferite se non quella delle mia città.