AL VIA LA STAGIONE DEGLI JUNIORES – BARONE: “C’È TANTA VOGLIA DI COMINCIARE”

Questo pomeriggio sono iniziate le attività del Settore Giovanile, che dopo la diaspora causata dal fallimento del Parma Fc è ancora in fase di costruzione, con Pizzi e Manzani che da giorni stanno cercando di ricostruire le sei squadre che lo formeranno. A pochi minuti dal primo allenamento ha parlato Simone Barone, tecnico degli juniores, che ha fatto il punto della situazione.

Ecco il video e la trascrizione delle sue parole:

“L’importante oggi è esserci ritrovati, perchè parte questa nuova avventura, ed è bello perchè è il 10 agosto e abbiamo tanta voglia di cominciare. Partiamo per fare un buon campionato, ora abbiamo la squadra in costruzione, ma entro il 19 settembre ci faremo trovare pronti per essere protagonisti in questo campionato. Avevo qualche richiesta, stavo quasi chiudendo con una squadra di Lega Pro che mi voleva, ma quando mi ha chiamato il Parma ho detto subito di sì. Mi piace molto lavorare baronecon i giovani, e io ho sempre detto di voler tornare a Parma per trasmettere quello che da piccolino avevo a questi ragazzi, per farli trovare pronti se dalla prima squadra ci sarà bisogno. Il progetto del nuovo Parma è importante, si parte da zero con qualche difficoltà, ma è una sfida importante che va oltre a quello che uno può trovare già pronto, e piano piano speriamo di toglierci delle soddisfazioni. Ripetere l’impresa dei Giovanissimi? L’importante è far crescere i ragazzi e costruire un gruppo, perchè come sappiamo il settore giovanile è stato smantellato dopo un grandissimo lavoro. Speriamo di riportarlo nel più breve tempo possibile a quei livelli. Ho a disposizione oggi una quindicina di ragazzi, ora ancora non si sa perchè c’è anche qualcuno in prova. Anche per me fino a ferragosto sono giorni tranquilli per capire le caratteristiche dei ragazzi. Siamo al 10 agosto, è giusto partire, capire quello che ci potrebbe mancare. Davanti forse siamo più coperti, ma bisogna vedere chi viene, quelli in prova, e ad oggi la foresteria non possiamo averla e quindi lavoriamo sul territorio. Ho fiducia massima nello staff”.