MASSIMO FERRERO

Scatenato, senza limiti, senza freni, senza peli sulla lingua, e senza alcun interesse verso il giudizio altrui. Massimo Ferrero sembra vivere in un mondo a parte, quasi come Drugo…

ferrero

GONZALO HIGUAIN

L’attaccante argentino, sia chiaro, ha segnato 18 reti in questa stagione: un ottimo bottino. Ha però dato la sensazione di essere come Dawson nel suo eterno tentativo di superare la prima base con Joey. Ha le capacità tecniche, quelle atletiche, sembra non avere nulla che non vada, ma ogni volta che Joey (la finale di Coppa Uefa, o il terzo posto in campionato) gli si avvicina, sul più bello o si eclissa o spara alle stelle dal dischetto…

higuain

GIANLUIGI BUFFON

37 anni, ma nessuna voglia di mollare. Il capitano della Juventus ha portato la sua squadra ad un passo dal triplete, anche se ora arriva la sfida più difficile. “Nell’anno del Signore, 2015, patrioti bianconeri, affamati e soverchiati sulla carta, sfidarono il Barcellona. Si batterono come poeti guerrieri. Si batterono come juventini…”. Per il finale di questa storia, aspettiamo sabato sera…

buffon

RUDI GARCIA

Il primo anno alla Roma lo ha trasformato in un condottiero, ma in questa seconda stagione Rudi Garcia sembrava il violinista del Titanic. Strategie comunicative rivedibili, un gioco che non c’era più, proclami che poi non si sono realizzati… Per fortuna la sua Roma ha preso la zattera e si è salvata ottenendo il secondo posto, ma per restare nell’equipaggio di questa nave servirà aggiustare qualcosina…

garcia

RAFA BENITEZ

Al di là della somiglianza sconvolgente, servirebbe proprio Carlo Lucarelli per spiegare il mistero del Napoli di Benitez che, partito per insidiare la Juventus, si è fatto scavalcare anche dalla Fiorentina…

benitez

TRIO

Sono loro i tre moschettieri di Di Francesco, con un bottino di 31 reti (Berardi 15, Zaza 11, Sansone 5). Tutti e tre rigorosamente italiani, e con un futuro assicurato davanti a loro…

zaza-berardi-sansone

INZAGHI

Da giocatore era SuperPippo, ma da allenatore… Inzaghi ha svestito il mantello per tornare ad essere semplicemente Pippo. E per riuscire a guidare questa squadra (le colpe societarie sono evidenti) sarebbe servito, appunto, un supereroe.

inzaghi

MANENTI-ALBORGHETTI

Il duo che si è presentato a Parma con un piano industriale scapestrato e con dietro un’azienda slovena con un capitale ridicolo ha fatto ridere (e non solo per la somiglianza) come quello formato da Fantozzi ed il rag. Filini. Il problema è che loro facevano sul serio.

manenti-alborghetti

MAURO ICARDI

Anche quest’anno si è dimostrato un vero e proprio killer d’area di rigore, vincendo (con Toni) la classifica dei cannonieri con 22 reti all’attivo. Certo, non è bravissimo nelle relazioni interpersonali, e più di qualcuno non lo ama particolarmente… Ma con il pallone tra i piedi sbaglia davvero molto poco.

icardi

CLAUDIO LOTITO

“Se me porti su il Carpi… una può salì… se no chi li compra i diritti? Non sanno manco che esiste, Frosinone. Il Carpi…”. È questo l’oroscopo di Claudio Lotito, una profezia che ovviamente si è avverata, ma al contrario…

lotito